Frasi di canzoni indie, le 75 più belle e famose

Frasi Indie - Aforisticamente
Frasi Indie - Aforisticamente

Le canzoni indie si sono affermate in Italia a partire dagli anni duemila. Il termine INDIE non indica un particolare tipo di musica bensì si riferisce al fatto che gli artisti e cantanti sono indipendenti, al di fuori del giro delle Major musicali più blasonate.

I cantanti che scrivono frasi indie sono romantici e filosofici, innovatori e poeti, un po’ fai-da-te ma con dei risultati spesso sorprendenti e coinvolgenti.

Presento una raccolta di frasi indie, le 75 frasi più belle e famose tratte dalle canzoni più famose. Tra i temi correlati si veda Le frasi più belle di Ultimo e Frasi e cantanti italiani e stranieri.

**

Frasi indie, le 75 più belle e famose

Me l’hai insegnato tu
che la felicità
non è una colpa
e che puoi tornare
a ridere ancora
ancora una volta.
(Brunori Sas)

Vorrei vederti vestita di niente,
scriverti addosso che sei mia per sempre.
(Coez)

Dammi un bacio
che fuori è la rivoluzione.
(Lo Stato Sociale)

Mi rifugiavo nei tuoi occhi per ore
e mi sentivo una persona migliore.
(Pinguini Tattici Nucleari)

Continuo a perdermi
e tu a riprendermi.
E non so come fai
a non arrenderti.
(Luchè)

Ti porterò dove la solitudine
è un regalo più bello di una rosa.
(Pinguini Tattici Nucleari)

Anzi tienimi ancora i capelli
senza te
non so più respirare
(Lo stato sociale)

Perciò ti aspetto a casa
a casa da me
niente di particolare
un balcone vista stelle
un vino
due sedie
qualcosa di eterno.
(Gio Evan)

Mi prenderò un gelato con il tuo sapore.
(Calcutta)

E una cosa la so,
che due matti non fanno un sano,
alle volte però
sono bravi a tenersi per mano.
(Coez)

Quante cose che pensi quando non parli,
però che noia decifrarti
(Gazzelle)

Vorrei portarti via, via da te
ma non lo so dove sto andando, sai.
Vorrei portarti via,
via con me
ma non lo so dove vado mai.
(Coez)

T’ho usata come una risposta
ma eri milioni di domande.
(Pinguini Tattici Nucleari)

Ma anche se me la vivo tentando di fregarmene,
mi torna tutto in testa appena chiudo le palpebre.
(Willie Peyote)

Provo a rompere il ghiaccio con te
Non sanno che tu sei l’Antartide.
(Pinguini Tattici Nucleari)

Vorrei portarti al mare
anzi portarti il mare.
(Coez)

Dimmi che
c’è un po’ di me nel tuoi discorsi,
un po’ di me dentro ai tuoi sogni
(Galeffi)

Mi sento come quando piove con il sole
Provo fastidio, ma nessuno da incolpare
Mi sento come quando piove con il sole
Non c’è una nuvola, ma mi sembra di annegare
(Eugenio In Via Di Gioia)

E lo so che l’amore poi il più delle volte diventa una gabbia
ma c’ho voglia di farmi rapire da te e di chiudere a chiave la stanza.
(Frah Quintale)

E c’hai quel non so che
Di chi ha tutti gli occhi su di sé.
(Franco126)

I pugni in faccia che mi dai,
li conservo nell’anima,
accanto a tutti i ‘ti voglio bene’.
(Pinguini Tattici Nucleari)

Tu sei venuta a cercarmi.
Come un lago mi guardi e ti specchi.
Non mi capirai mai.
(Calcutta)

Ti ricordi di me? Abbiamo fatto scintille.
Io mi ricordo e lo sai,
pensavo fosse amore, invece erano guai.
(Gazzelle)

Ma anche se me la vivo, tentando di fregarmene,
mi torna tutto in testa appena chiudo le palprebre
In questa roba metto il cuore ogni pezzo è un trapianto,
prima di scrivere indosso un camice bianco.
(Willie Peyote)

Ci siamo persi in un bicchiere d’acqua
e poi ci siamo ritrovati in mare.
(Pinguini Tattici nucleari)

Capisci i sentimenti quando te li fanno a pezzi.
(Coez)

E pure questa notte il sonno è arrivato in ritardo,
e so che sei un altro sbaglio
(Carl Brave x Franco 126)

E io sto ancora collaudando un piano per non starti accanto
mentre la vita mi scombussola ogni punto fermo.
(Gazzelle)

Se in mezzo alle strade o nella confusione
piovesse il tuo nome,
io una lettera per volta vorrei bere.
(Calcutta)

Io che pensavo non avessi bisogno di te
ma a certe cose non ci pensi prima delle tre.
(Frah Quintale)

Poi continuo a non capirci proprio un cazzo della vita
e che se fossi qui con me forse non sarebbe in salita
(Ariete)

Ma ti prego non dirmi ti amo
che poi ricominciamo
(Gazzelle)

Fidati di me, conosco ogni tuo dettaglio,
combatteremo la tempesta,
sbaglio dopo sbaglio.
(Blue virus)

E che ne sanno gli altri
quando ridevamo come matti?
E che ne sanno gli altri
di quando correvamo come pazzi?
E che ne sanno gli altri
degli occhi nostri mescolarsi
e diventare lampi?
(Gazzelle)

Se vuoi venire con me non ho una macchina baby,
ma se ti prendo per mano,
so andare anche più lontano.
(Frah Quintale)

E adesso brucio
Come una candela
E ho una pessima, pessima cera
(Gazzelle)

E se mi dici che adesso tu non sei più mia
Fa paura lo stesso anche se è una bugia.
(Frah Quintale)

Delle cose che penso, ne conosci solo un po’
e di quello che voglio ne esaudisci solo un po’
(Gazzelle)

Mi perderò altrove
A un passo dalla città
Chissà dove
Mi perderò altrove
Senza messaggi e senza le mail
Mi cercherai
Ovunque io sia
Mi troverai
E mi porterai via
(Eugenio In Via Di Gioia)

Sei bella che ti strappo i vestiti coi denti
e che fai vergognare le stelle cadenti
(Coez)

Conosco la tua pelle, tu conosci il mio odore
(Brunori Sas)

Mi ero addomentato di te.
(Calcutta)

Io però a casa non ci voglio tornare
e questa notte già diventa mattina
poi scusa, guarda quant’è bella la luna
(Fulminacci)

E cammini in cappuccio
E struccata da quattro giorni
E non vorresti incontrar più nessuno
E ti nascondi
(Canova)

Cazzo mi frega che mi ami o mi detesti
Ho un sacco di problemi ma tu non sei tra questi
E mi vorresti positivo ma oggi non sono in vena
Se sbaglio è colpa mia ma non lo dico per far pena.
(Willie Peyote)

Spesso ho attorno persone che non vorrei,
mi parlano di cose che non voglio sapere
e mi chiedono cose che non voglio dare
e tu non ci sei più
e mi manchi
davvero.
(Lo Stato Sociale)

Ma tu ci credi all’impossibile?
perché con te io mi sa proprio lo farò
che se ci credi una cosa poi si avvera
prendi il mio cuore per esempio
prima che tu arrivassi forse manco c’era
adesso dà ripetizioni alla bufera
(Gio Evan)

Ti prego amore mio promettimi,
che persa nei tuoi giri,
se qualcuno poi ti parla di me,
un sorriso ti spaccherà in tre.
(Calcutta)

Se mi scioglierà il caldo che sale
ci tufferemo negli occhi a vicenda.
(Frah Quintale)

Quello che voglio
è vivermi meglio
di così.
(Brunori Sas)

Ti cerco in fondo a bottiglie di vetro da 66.
(Frah Quintale)

Ed un po’ mi fa ridere
se penso che ora c’è li un altro che ti uccide i ragni al posto mio.
(Pinguini Tattici Nucleari)

Vorrei essere la canzone
per cui non vedi l’ora di uscire da una galleria,
o anche solo quella che ti fa chiudere i finestrini.
(Lo Stato Sociale)

E non mi importa se non mi ami più
E non mi importa se non mi vuoi bene
Dovrò soltanto reimparare a camminare
Dovrò soltanto reimparare a camminare
Se non ci sei tu.
(Calcutta)

Ho pianto su tutti i fiori del giardino
ho scritto un sacco di canzoni solo perché non dormivo…
e ho smesso di fumare sigarette
di dormire sul divano, di tirare le coperte
tu non ci sei, tu non ci sei, tu non ci sei più
(Mameli)

Ho perso finti amici
e ho perso tanto tempo
lottando con me stesso
e col mostro sotto al letto.
(Psicologi)

Dirti che ti amo è un volo dal secondo piano,
un incidente in bici contro un carro armato.
(Frah Quintale)

Tu amami come ameresti te
se fossi me e viceversa
quindi male e senza capire niente
(Lo stato sociale)

E la notte si prende quello che vuole
e non rende quasi niente
è che siamo soltanto persone sole
e non succede niente
(Gazzelle)

Baciamoci a tutte le ore come fanno le lancette.
(Galeffi)

Odio la mia fantasia
perché vorrei fossi mia
quando non ti posso avere
(Coez)

Io per te brucio i semafori
Stringo le mani ai tuoi diavoli.
(Coez)

Me lo dicevi anche tu
La vita va vissuta
E invece io la penso
(Brunori Sas)

Ma andava bene uguale anche un finale dolceamaro
con il mondo che crolla e noi due mano nella mano
su un cielo di salsa di soia e nuvole di drago
(Franco126)

Perché tra un bacio ed il cannibalismo
In fondo la differenza non c’è
(Pinguini Tattici Nucleari)

Volevo solo scomparire in un abbraccio.
(Calcutta)

Ho sempre troppo freddo e per questo cerco te,
che vivi al centro esatto dell’inferno.
(Giorgieness)

Se salgo sulla metro lascio un posto vuoto anche per te
magari torni e ci incontriamo e tu ti siedi accanto a me
(Ariete)

Ma siamo amanti come l’amianto
un po’ soffriamo se ci stiamo accanto.
(Ariete)

E di tutti i tuoi amici me ne importa la metà
E di quello che ho dentro te ne ho dato la metà
E di quello che ho perso, tu ne hai vinto la metà
E cos’è che ti guardi, non mi riconosci più?
(Gazzelle)

La pioggia bussa contro il finestrino
E noi a discutere di niente fino a far mattino
Ricordi, appannavamo i vetri col respiro
(Franco126)

E che se fuori piove, io dentro nevico.
(Gazzelle)

Sogno la pensione perché odio lavorare
Tu sogni il grande amore che io non ti riesco a dare
Danza con me
Con le mie paure
Ecco perché
Te ne vai
(Galeffi)

Maledetto cuore che ti sciogli
ogni volta che ti dico addio.
(Pinguini Tattici Nucleari)

E mischio l’alcool con la Coca-Cola
E fidati non è una cosa buona
Ma fidati la vita non è buona
Per berla in una volta sola
(Gazzelle)

E se passo in quella via
Sai, guardo ancora in su
E mi aspetto che ti affacci
Un fischio e scendi giù.
(Franco126)