Frasi, citazioni e aforismi sul martirio e i martiri

Presento una raccolta di frasi, citazioni e aforismi sul martirio e i martiri. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sui santi, Frasi, citazioni e aforismi sulla fede e Frasi, citazioni e aforismi sulla religione.

**

Frasi, citazioni e aforismi sul martirio e i martiri

Martiri

La virtù ha molti predicatori e pochi martiri.
(Claude-Adrien Helvétius)

Tutti gli eroi valgono meno di un solo martire.
(Thérèse de Lisieux)

È la causa, non la morte, che fa il martire.
(Sant’Agostino)

Quando l’Agnello aprì il quinto sigillo, vidi sotto l’altare le anime di coloro che furono immolati a causa della parola di Dio e della testimonianza che gli avevano resa.
(Apocalisse, 6, 9)

Nel martirio la violenza è vinta dall’amore, la morte dalla vita. La Chiesa vede nel sacrificio dei martiri la loro “nascita al cielo”.
(Papa Francesco)

Il martire, in effetti, è il più genuino testimone della verità sull’esistenza. Egli sa di avere trovato nell’incontro con Gesù Cristo la verità sulla sua vita e niente e nessuno potrà mai strappargli questa certezza. Né la sofferenza né la morte violenta lo potranno fare recedere dall’adesione alla verità che ha scoperto nell’incontro con Cristo. Ecco perché fino ad oggi la testimonianza dei martiri affascina, genera consenso, trova ascolto e viene seguita.
(Giovanni Paolo II)

Venerdì santo. Gesù dalla croce
prima di morire grida a Dio:
“Perdona loro non sanno quel che fanno!”
e dice a noi:”Vi ho amati fino a morirne!”
(padre Enzo Bianchi)

Noi ci moltiplichiamo tutte le volte che siamo falciati da voi: il sangue dei cristiani è seme.
(Tertulliano)

Un vero martire è qualcuno a cui hanno rifiutato persino questo titolo.
(Stanislaw Jerzy Lec)

Per trovare i martiri non è necessario andare alle catacombe o al Colosseo: i martiri sono vivi adesso, in tanti Paesi. I cristiani sono perseguitati per la fede. In alcuni Paesi non possono portare la croce: sono puniti se lo fanno. Oggi, nel secolo XXI, la nostra Chiesa è una Chiesa dei martiri.
(Papa Francesco)

Tutta la vita di Cristo fu croce e martirio e tu cerchi per te riposo e gioia? Sbagli, sbagli se cerchi qualcosa d’altro, che non sia il patire tribolazioni; perché tutta questa vita mortale è piena di miseria e segnata tutt’intorno da croci.
(Anonimo, De Imitatione Christi)

Quante tribolazioni, e quanto gravi, hanno patito gli apostoli, i martiri, i testimoni della fede, le vergini e tutti gli altri che vollero seguire le orme di Cristo; essi infatti, ebbero in odio sé stessi in questo mondo, per possedere le loro anime nella vita eterna.
(Anonimo, De Imitatione Christi)

Il martirio, esaminato storicamente, ha una funzione precisa: serve a elaborare una teologia basata sull’imitazione di Cristo. Come Cristo è stato perseguitato, così lo sarà il suo seguace. Ma cʹè di più. Il martire è consapevole che con il suo sacrificio affretta la fine dei tempi; il martirio fa cadere il diaframma che separa la storia degli uomini dal regno di Dio.
(Corrado Augias e Remo Cacitti)

Sono i martiri che fanno la fede piuttosto che la fede che fa i martiri.
(Miguel de Unamuno)

Il mio sangue sia seme di libertà, segno che la speranza sarà presto realtà.
(Arivescovo Oscar Romero martire)

Nel martirio il cristiano si consegna alla morte per non fare il male. Il cristiano ha scelto non solo di non fare il male ma neanche dirlo.
(Monsignor Constantino di Bruno)

Il vero martire è colui che è diventato lo strumento di Dio, che ha perduto la sua volontà nella volontà di Dio, e che non desidera più niente per se stesso, neppure la gloria di essere un martire.
(T.S. Eliot)

Un martirio cristiano non avviene mai per caso, perché non si diventa Santi per caso. E ancora meno un martirio cristiano è l’effetto della volontà di un uomo di diventare Santo, così come potrebbe con la volontà e con qualche macchinazione diventare reggitore di altri uomini. Un martirio è sempre un disegno di Dio, per il suo amore per gli uomini, per avvertirli e guidarli, per riportarli sulla sua strada.
(T.S. Eliot)

Thomas Becket assediato da assassini:
“La chiesa dev’essere aperta anche ai nostri nemici
Il martirio non è effetto del voler farsi santo”
(padre Enzo Bianchi)

Il martirio di Giovanni Battista:osava parlare chiaro e senza paura anche ai potenti: questo era ed è intollerabile.
(padre Enzo Bianchi)

Santo Stefano il primo martire della chiesa, un esempio per tutti i cristiani in un periodo di crisi e difficoltà ci insegna come la forza, l’amore e la fede possano far superare qualsiasi difficoltà interiore ed esteriore.
(Stephen Littleword)

Il vero martire attende la morte. Il fanatico le corre incontro.
(Denis Diderot)

Colui che sostiene la sua follia con il martirio è un fanatico.
(Voltaire)

Un suicida è evidentemente l’opposto di un martire. Il martire è un uomo che si appassiona a qualche cosa che è fuori di lui fino a dimenticare la sua esistenza personale, il suicida è un uomo che tanto poco si cura di tutto quello che c’è fuori di lui che ha bisogno di vedere la fine di ogni cosa. L’uno ha bisogno che qualche cosa cominci; l’altro che tutto finisca. Il martire confessa un estremo vincolo con la vita… muore perché qualche cosa viva. Il suicida… è puro distruttore: spiritualmente distrugge l’universo.
(Gk Chesterton)

Non bramo il martirio, ma se l’incontro mentre compio quello che considero il dovere supremo in difesa della fede che professo l’avrò meritato.
(Mahatma Gandhi)

Ogni essere che muore è un martire, un testimone dei limiti di questa realtà, è uno che ne ha sofferto.
(Aldo Capitini)

La morte trasforma in martiri i visionari, converte nobili idee in movimenti potenti.
(Dan Brown)

La razza umana non ha riconosciuto il suo profeta, e l’ha ucciso, ma ama i suoi martiri.
(Fëdor Dostoevskij)

La fede ha creato più martiri che uomini buoni.
(Roberto Gervaso)

Un’idea innaffiata dal sangue dei martiri non è detto che sia meno stupida di un’altra.
(Gesualdo Bufalino)

Chi è disposto a togliersi la vita per un ideale, è disposto anche a togliere la vita ad un altro, in nome dello stesso ideale. Tutte le dottrine che cominciano con dei martiri finiscono con un’inquisizione.
(Joan Fuster)

Se volete essere discepoli di Cristo, ricordatevi che dovete essere martiri e non carnefici.
(Voltaire)

Nella ricerca del tormento, nell’accanimento alla sofferenza, solo il geloso può competere con il martire. Eppure, si canonizza l’uno e si ridicolizza l’altro.
(E.M. Cioran)

La fedeltà coniugale ha il suo martirologio.
(Madame Necker)

Sei vuoi essere felice
sii martire d’Amore
se no lascialo stare
non fa per te, dimentica.
(Giuseppe Conte)

Il valore d’un sacrificio non è provato dalla causa che vi sta dietro. Migliaia di persone hanno rinunciato alla propria vita con altrettanto coraggio di Gesù, per cause infinitamente meno elevate e luminose. Tutti i martiri, in verità, credono di riuscire a scuotere il mondo, anche se nessun altro vi riuscì come lui.
(HL Mencken)

Ci sono martirî più sottili di quelli documentati dei santi e degli eremiti. Ci sono supplizi dell’intelligenza come ve ne sono del corpo e del desiderio. E questi supplizi, come gli altri, procurano una certa voluttà
(Fernando Pessoa)

La fantasia, martirio cui da sempre soggiaccio
S’inebriava sapiente al profumo di tristezza.
(Stéphane Mallarmè)

Nella storia del mondo è ancora l’assurdo quello che ha più martiri.
(Edmond et Jules de Goncourt)

Quale luogo spaventevole ha saputo fare della terra il cristianesimo, già per il solo fatto di aver collocato ovunque il crocifisso, e per aver in tal modo designato la terra come il luogo in cui “il giusto viene martirizzato a morte”!
(Friedrich Nietzsche)

Gli esempi delle morti eroiche di Spartani e di altri, non ci commuovono: invero, che mai ce ne viene? Invece, l’esempio della morte dei màrtiri ci commuove, perché sono «nostre membra»!. Abbiamo con loro un vincolo comune; la loro fermezza può ispirare la nostra.
(Blaise Pascal)

Possiamo essere martiri anche senza che la spada ci trafigga, purché sinceramente decisi a conservare la pazienza nel cuore.
(San Gregorio Magno)

Il tiranno muore e il suo governo è finito; il martire muore e il suo governo inizia.
(Søren Kierkegaard)

Ad un governo ingiusto nuoce più il martire che non il ribelle.
(Massimo d’Azeglio)

Il discepolo di un martire soffre più del martire.
(Friedrich Nietzsche)

Se il martirio non basta a conferire alla vittima le dimensioni del titano, basta però ad attribuire i connotati dell’aguzzino a chi lo inflisse.
(Indro Montanelli e Roberto Gervaso)

Galileo non era un idiota. Solo un idiota può credere che la scienza richieda il martirio – questo può essere necessario nella religione, ma nel tempo un risultato scientifico si accrediterà.
(David Hilbert)

Martirio. L’unico modo per diventare famosi senza talento.
(George Bernard Shaw)

I martiri non hanno migliorato l’umanità. L’hanno solo resa più tragica.
(Roberto Gervaso)

Cristo è morto per i nostri peccati. Abbiamo il coraggio di rendere inutile il suo martirio non commettendone?
(Jules Feiffer)

Morire per la propria fede è il peggior uso che un uomo possa fare della sua vita.
(Oscar Wilde)

Un tempo rabbrividivo quando pensavo che delle persone potessero morire da martiri per una religione. Adesso non più. Potrei essere martirizzato io stesso per la mia religione. L’amore è la mia religione. Potrei morire per esso.
(John Keats)

“Credo di essere poco adatto…”
“Basta la volontà” disse lo sconosciuto.
“Non conosco nessuna professione” obiettò Syme “per essere abilitati alla quale basti la volontà”.
“Io sì: il martirio. Vi condanno a morte. Buongiorno.“
(GK Chesterton)

L’inchiostro del sapiente è tanto prezioso quanto il sangue dei martiri.
(Proverbio arabo)

Per non essere gli straziati martiri del Tempo, ubriacatevi senza posa! Di vino, di poesia o di virtù: come vi pare.
(Charles Baudelaire)

Riposate in pace perché noi non ripeteremo l’errore.
(Epitaffio sulla lapide dei martiri dell’olocausto nucleare di Hiroshima)

L’errore ha i suoi martiri come la verità.
(Alphonse Karr)

Tutti i morenti sono martiri di una futura religione universale.
(Elias Canetti)