Frasi, citazioni e aforismi sulla colomba e il colombo

Annunci

Presento una raccolta di frasi, citazioni e aforismi sulla colomba e il colombo. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sul volo e il volare, Frasi, citazioni e aforismi sugli uccelli, Frasi, citazioni e aforismi sulla pace e Frasi divertenti, aforismi e battute su Pasqua e Pasquetta.

**

Frasi, citazioni e aforismi sulla colomba e il colombo

1. Colomba

Le grandi idee arrivano nel mondo con la dolcezza delle colombe. Forse, se ascoltiamo bene, udiremo, tra il frastuono degli imperi e delle nazioni, un debole frullìo d’ali, il dolce fremito della vita e della speranza.
(Albert Camus)

Quando gli angeli ci visitano, non sentiamo il fruscio delle ali, non sentiamo il tocco di piuma del petto di una colomba; ma sentiamo la loro presenza per l’amore che creano nei nostri cuori.
(Mary Baker Eddy)

Il cristallo d’aria del giorno.
Nella sua luce perpetua vola il candore di una colomba.
(Fabrizio Caramagna)

Una colomba
D’altri diluvi una colomba ascolto
(Giuseppe Ungaretti)

Le colombe bianche si alzano in volo,
simbolo di pace,
rincorrendo l’aria festosa,
è la Pasqua….
Tu che movendo l’ali voli,
il battito muti in vento di pace
(Anonimo)

Ci piace liberare una colomba bianca per il solo fatto di guardare verso l’alto e accorgerci del cielo.
(Fabrizio Caramagna)

Indifesa, in posizione fetale,
desidero la vastità
che talvolta mi gonfia
come una colomba.
(Cecilia Casanova)

Chissà se i vegani al posto della colomba, mangiano il ramo d’ulivo.
(masse78, Twitter)

È nato prima l’uovo o la colomba?
(dbric511, Twitter)

Secondo me la colomba è un panettone che non ha smesso di sognare.
(IlReverendo, Twitter)

Quante strade deve percorrere un uomo
prima di essere chiamato uomo?
E quanti mari deve superare una colomba bianca
prima che si addormenti sulla spiaggia?
E per quanto tempo dovranno volare le palle di cannone
prima che vengano bandite per sempre?
la risposta, amico mio, se ne va nel vento,
la risposta se ne va nel vento.
(Bob Dylan)

Cullandosi sulle onde dell’etere,
passando sopra i monti ed i mari,
vola, vola, colomba di pace,
o mia canzone sonora!
Racconta a colui che ascolta
come è vicina ormai l’era agognata,
di cui oggi vive e respira
l’uomo della tua patria.
Non sei tu sola, vi saranno molte
colombe tue compagne.
(Anna Achmatova)

Conosco tutti i luoghi dove abita la colomba
e il più naturale è la testa dell’uomo.
L’amore della giustizia e della libertà
ha prodotto un frutto meraviglioso.
Un frutto che non marcisce
perché ha il sapore della felicità.
Che la terra produca, che la terra fiorisca
che la carne e il sangue viventi
non siano mai sacrificati.
Che il volto umano conosca
l’utilità della bellezza
sotto l’ala della riflessione.
(Paul Eluard)

Il verso è una colomba
alla ricerca d’un nido,
schioccando apre le ali
per volare, per volare.
(Victor Jara)

Il tuo cuore è una colomba da salvadanaio,
il tuo corpo è liscio come le pietre nell’acqua,
i tuoi baci sono grappoli con rugiada,
e al tuo fianco io vivo con la terra.
(Pablo Neruda)

Come sei bella amica mia
come sei bella.
Hai per occhi colombe.
(Il Cantico dei Cantici)

La rosa, il giglio, la colomba, il sole,
ho tutti amati un tempo con passione.
Or più non l’amo, amo solo lei
la piccola, fine, pura e unica;
lei sola, fonte di tutto l’amore,
è rosa e giglio, è colomba e sole.
(Heinrich Heine)

La colomba nel Cantico dei cantici è il simbolo dell’amore, mentre nella tradizione cristiana diventa un’immagine dell’anima.
(Gianfranco Ravasi)

Non c’è voce umana,
grido d’uccello, rumore di vita,
nell’aria vasta e vana.
C’è solo una colomba,
tutta nitida e bionda,
che sale a passi piccoli la china
d’un tetto, su tappeti
fulvi di lana vellutata, e pare
una dolce regina
di Saba
che rimonti le silenziose scale
della sua fiaba.
(Diego Valeri)

Nessuno aspira a diventare una colomba. Tutti sognano di essere un’ aquila.
(Valeriu Butulescu)

Quali colombe, dal disio chiamate,
con l’ali alzate e ferme al dolce nido
vegnon per l’aere, dal voler portate;
cotali uscir de la schiera ov’è Dido,
a noi venendo per l’aere maligno,
sì forte fu l’affettüoso grido.
(Dante Alighieri, Divina Commedia, Inferno, canto V)

Io vi mando come pecore in mezzo ai lupi; siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe.
(Gesù di Nazaret, in Vangelo secondo Matteo)

L’astuzia del serpente ammaestri la semplicità della colomba, e la semplicità della colomba moderi l’astuzia del serpente.
(Papa Gregorio I)

Gli dicono di essere umile come una colomba e astuto come un serpente. S’imbroglia: è astuto come una colomba e umile come un serpente. I risultati sono ottimi.
(Dino Basili)

Esser civile, vuol dire proprio questo: − dentro, neri come corvi; fuori, bianchi come colombi; in corpo fiele; in bocca miele.
(Luigi Pirandello)

L’arca di Noè aveva in sé il corvo e la colomba. Se l’arca prefigura la Chiesa, è inevitabile che – nel diluvio del male del mondo – la Chiesa contenga ambedue questi generi: i corvi che cercano il proprio interesse e le colombe che cercano la gloria di Cristo
(Gianfranco Ravasi)

Le colombe hanno dimostrato di essere un uccello estremamente pericoloso.
(Henry Kissinger, usando questo termine in contrapposizione ai falchi)

Sono le parole più silenziose, quelle che portano la tempesta. Pensieri che incedono con passi di colomba guidano il mondo.
(Friedrich Nietzsche)

Superati i contrasti tra falchi e colombe il partito divenne un compatto blocco di guano.
(Lia Celi)

O falchi o colombe, le teste di sotto sono sempre le nostre.
(chetetuitti, Twitter)

Più che di falchi e colombe, io mi preoccuperei degli avvoltoi.
(m4gny, Twitter)

Noè fece uscire una colomba, per vedere se le acque si fossero ritirate dal suolo; ma la colomba, non trovando dove posare la pianta del piede, tornò a lui nell’arca, perché c’era ancora l’acqua su tutta la terra. Egli stese la mano, la prese e la fece rientrare presso di sé nell’arca. Attese altri sette giorni e di nuovo fece uscire la colomba dall’arca e la colomba tornò a lui sul far della sera; ecco, essa aveva nel becco un ramoscello di ulivo. Noè comprese che le acque si erano ritirate dalla terra.
(Genesi, Antico Testamento)

La critica è indulgente coi corvi e si accanisce con le colombe – Dat veniam corvis, vexat censura columbas.
(Decimo Giunio Giovenale)

Ma le cose invisibili hanno bisogno di incarnarsi, le idee cadono a terra come colombe morte.
(Julio Cortázar)

-Livello di inglese?
-Ottimo
-Mi scriva qui la traduzione di colomba
-Dove?
-Qui, le ho detto
(fibia, Twitter)

Se volevo trasmettere serenità e pace nascevo colomba.
(ChiaraBottini, Twitter)

Com’è successo che la colomba è diventata il simbolo della pace? E perché allora non il cuscino? Ha più piume della colomba e non ha quel pericoloso becco
(Jack Handy)

È strana la cieca fiducia con cui si dà credito ai proverbi, anche quando sono assolutamente falsi o ingannevoli: la volpe non è più furba degli altri animali da preda, ed è assai più stupida del lupo o del cane; la colomba non è affatto mite.
(Konrad Lorenz)

Chi non ha sentito parlare della fedeltà delle colombe verso i compagni? Esse, quando vengono molestate, se riescono a sorprendere l’animale che le ha indotte all’adulterio, lo uccidono.
(Porfirio)

Non ce la fanno
i belli non resistono,
sono le farfalle
sono le colombe
sono i passeri,
non ce la fanno.
non ce la fanno,
i belli muoiono giovani
e lasciano i brutti alla loro brutta vita
(Charles Bukowski)

Colomba muta non trova marito.
(Proverbio)

Chi vuol la casa monda, non tenga mai colomba.
(Proverbio toscano

Capo di colomba, coda di scorpione – Caput columbae, cauda scorpionis.
(Detto latino)

La Casa è l’enigma del saggio – il bottino della colomba
(Emily Dickinson)

Se nel tuo orto riuscirai ad avere corvi neri che genereranno colombe bianche, sarai chiamato saggio.
(Maria Zambrano)

**

2. Colombo

Perché la merda dei colombi è nera se la macchina è bianca ed è bianca se la macchina è nera?
(Anonimo)

Con tutte queste telecamere di sorveglianza installate nelle principali piazze italiane, il colombo si sente osservato e non spreca più neanche una briciola di pane
(Fabrizio Caramagna)

Qualcuno ha mai visto il nido di un colombo? Secondo me Il colombo nasce sotto i tavolini dei bar all’aperto.
(Fabrizio Caramagna)

Secondo me i colombi quando passi con la macchina si spostano all’ultimo secondo solo per provare una botta di adrenalina.
(Tremenoventi, Twitter)

Se dite agli adulti: «Ho visto una bella casa di mattoni rosa, con gerani alle finestre e colombi sul tetto…», loro non riescono a immaginarsi la casa. Dovete dire: «Ho visto una casa di centomila franchi». Allora esclamano subito: «Oh, che bella!»
(Antoine de Saint-Exupéry)

Come un gregge nervoso
si sgranano i colombi
sul mercurio della grande piazza.
Semi grigi, inquieti
nell’aridità, cercano, scarabocchiano
il loro nugolo. Un bambino corre,
lo fa esplodere.
(Coral Bracho)

L’aria era traversata da colombi in amore…
(Alessandro Parronchi)

Una finestra in fiore. Un volo di colombi
nel sole. Un bianco viso di fanciullo.
(Diego Valeri)

Il colombo pensa di essere un artista.
Disegna con i suoi escrementi facciate, balconi, tetti, statue, automobili e persino la testa degli uomini.
E dove c’è il bianco fa con grande maestria degli schizzi di nero e dove c’è il nero fa degli schizzi di bianco.
Non bisogna mai fidarsi degli artisti.
(Fabrizio Caramagna)

Il mondo era più sconfinato,
Il cielo più azzurro,
E i colombofili lanciavano
I colombi verso il cielo…
La vita non pesava più
(Sofija Parnok)

La veneta piazzetta,
antica e mesta, accoglie
odor di mare. E voli
di colombi
(Sandro Penna)

Venezia è l’unico posto dove i cavalli stanno per aria, i leoni hanno le ali, e i colombi vanno a piedi.
(Jean Cocteau)

I colombi cacano sul monumento. Non sanno che l’originale. è nella cantina di qualche museo.
(Fabrizio Caramagna)

Anche i colombi ballano, si baciano, girano in tondo, si corteggiano a vicenda. Parigi è la città dell’amore, anche per gli uccelli.
(Samantha Schutz)

I colombi sono gli uccelli della fedeltà. Fedeltà coniugale, fedeltà alla casa.
(Danilo Mainardi)

Che sarebbe Venezia senza i suoi colombi? Che bell’ornamento delle piazze d’Italia le circonvoluzioni di quegli uccelli beneauguranti! E com’era eccitante il contatto. Portare o comprare granaglie e suscitare quell’affollamento, quell’assalto festoso. Averli svolazzanti sulle mani, sulle spalle, in testa. Forse era solo un divertimento infantile, di gente ingenua com’eravamo, ma quante coppie di sposi novelli si sono fatte fotografare così, sui sagrati di tutta Italia!
(Danilo Mainardi)

Per chi fa di ogni erba un fascio i piccioni sono uccelli inquinati dalle città, fastidiosi frequentatori di davanzali e marciepiedi, indesiderati vicini d’ombrellone sulle spiagge, celebrità moleste: ovunque ospiti sgraditi, sempre troppi e troppo. I piccioni che vivono sotto gli occhi di tutti sono ridotti a feccia per la difficoltà di contenerne le popolazioni. Ma quegli stessi, chiamati con una sfumatura dispregiativa “piccioni”, se fossero riportati all’onor del mondo in numero accettabile, ritroverebbero il loro fascino.
(Caterina Gromis di Trana)

Le maniere dei piccioni di piazza San Marco a Venezia sono, a ben guardare, simili a quelle dei colombi che respirano il vento delle coste rocciose: lo stesso tremolio del collo, come l’incedere, il corteggiare, la ricerca di cavità per il nido, il tubare di cui dice Renard: “Ed è veramente insopportabile, a lungo andare, quella mania ereditaria di aver sempre in gola qualcosa che non vuol andare giù.
(Caterina Gromis di Trana)

Su nell’immensità del cielo,
turbine di macchie grigio-azzurre,
dalle colombaie s’è levato
nugolo di colombi in volo.
(Boris Pasternak)

Un miracolo alla buona:
le mucche sono mucche.
Un altro non peggiore:
proprio questo frutteto
proprio da questo nocciolo.
Un miracolo senza frac nero e cilindro:
bianchi colombi che si alzano in volo.
Un miracolo – e come chiamarlo altrimenti:
oggi il sole è sorto alle 3,14
e tramonterà alle 20,01
(Wislawa Szymborska)

Così come si beccano i colombi si vorrebbero mordicchiar gli sposi.
(William Shakespeare, Come vi piace)

La mattina accalcati
è tutto un becchettare
sulla tastiera.
Pollici come colombi affamati.
(Giancarlo Consonni)

Gli animali non sono telepatici: altrimenti gabbiani e colombi si accorderebbero per cagarci in testa all’unisono e conquistare il mondo.
(m4gny, Twitter)

Chi sta sotto la piccionaia gli casca sempre qualche merda addosso.
(Proverbio)

Non si vide mai colombo solo.
(Proverbio)

Il colombo è un topo con le ali.
(Woody Allen)

Durante la Grande Depressione del ‘29 in Central Park i piccioni portavano le briciole di pane ai passanti.
(Groucho Marx)

Come un colombo che segue qualunque cosa si muova, pensando che siano briciole.
Così è l’illusione.
(Fabrizio Caramagna)

Esser civile, vuol dire proprio questo: − dentro, neri come corvi; fuori, bianchi come colombi; in corpo fiele; in bocca miele.
(Luigi Pirandello)

Annunci