Frasi, citazioni e aforismi sulla peonia

Annunci

La peonia è sinonimo di stima, rispetto, nobiltà, eleganza ed un augurio per una lunga vita. In Oriente è simbolo di fortuna e di un matrimonio felice. In Europa è detta anche rosa senza spine ed è simbolo delle storie d’amore romantiche. Si regala la peonia il dodicesimo anno di matrimonio, anche in segno di eternità. Nella mitologia greca Peon, medico degli dei e allievo di Esculapio, curò Plutone da una ferita usando proprio radici di peonia. Il dio, per ringraziarlo, donò a Peon l’immortalità trasformandolo in un fiore: la peonia.

Presento una raccolta di frasi, citazioni e aforismi sulla peonia. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sui fiori e Frasi, citazioni e aforismi sulle rose.

**

Frasi, citazioni e aforismi sulla peonia

Nessun fiore fiorisce quanto la peonia. Confronto a lei, gli altri fiori sembrano imprecare a denti stretti.
(Amélie Nothomb)

La peonia è appariscente ma elegante, è un arcata vibrante che lancia i suoi aromi nell’aria, un trabocco di bellezza.
(Fabrizio Caramagna)

Caduto il fiore
resiste l’immagine
della peonia.
(Yosa Buson)

Peonia,
petalo a petalo
palpiti,
ti apri,
ti ricomponi.
(Ogiwara Seisensui)

Peonia dal latino paeonia significa “pianta che risana” perché le sue radici erano usate in medicina.
(Anonimo)

Peonia: prima d’essere un fiore, era il medico degli Dèi
(Giorgio Batini)

Una miniera di petali si spalanca nella luce del cielo: è fiorita la peonia.
(Fabrizio Caramagna)

S’udivano sussurri
cupi di macroglosse
sulle peonie rosse
e sui giaggioli azzurri.
(Giovanni Pascoli)

Nostalgia dell’ape
che profonda penetra
fra gli stami della peonia.
(Matsuo Basho)

Amore o sangue?
tutta la primavera
è in questa peonia che mi ossessiona.
(Akiko Yosano)

La peonia è una rosa che ha incontrato un dio senza spine.
(Fabrizio Caramagna)

Perché gli dei sarebbero immortali? in che cosa l’immortalità li renderebbe divini? La peonia è forse meno sublime per il fatto che appassisce?
(Amélie Nothomb)

Peonie con una bianca luce come risposta a tutte le domande del cielo.
(Fabrizio Caramagna)

Esagerato è il fiore di peonia che può raggiungere i quindici, finanche venti centimetri d’ampiezza, in un giro di petali semplice o doppio, o follemente stradoppio. Le grandi sontuose corolle, soavemente profumate e aperte su un bottone di stami dorati, sono uno splendore che dura un battito di ciglia, ma è l’attimo fuggente della perfezione, il fremito di un’intuizione luminosa.
(Angela Borghesi)

Belle in boccio, ch’è gonfio e turgido, bellissime al dispiegarsi stropicciato dei petali, talora unghiati a contrasto con la ricca tavolozza cromatica che offre il bianco più candido, il rosa più confetto, il porpora e il viola più profondo; e ve ne sono pure di gialle, albicocca e – si favoleggia – di blu.
(Angela Borghesi)

Non ha timidezza, la peonia…
Dispettosa, appunto… bella come un incanto, soave come un tulle, morbida come batuffoli di cotone… e lenta… un anno, due, talora tre, e lei decide di fare capolino al primo sole della primavera dopo tanta attesa…
(Emanuela Sannipoli)

Sulla ghiaia crescono le peonie. Spuntano in mezzo ai sassolini grigi, i boccioli esplorano l’aria come antenne di lumaca, poi si gonfiano e si aprono, grossi fiori rosso scuro lucidi e brillanti come una seta.
(Margaret Atwood)

Se poso lo sguardo
sulle peonie candide,
parlo di morale
(Iida Dakotsu)

Forse saprai che la peonia è di Jeannin, l’altea appartiene a Quost, ma il girasole è in qualche modo mio…
(Vincent Van Gogh)

Il ragazzino annuì alla peonia e la peonia sembrò annuire. Il ragazzino era pulito, pulito e carino. La peonia era impudica, spettinata come devono essere le peonie, e al culmine della sua bellezza.
(Robertson Davies)

Peonie, rose esagerate, rose
dionisiache, rose in guardinfanti,
rose superbe simili ad infanti
che si specchiano in differenti pose.
Odalische che ignude e voluttuose
prendono il bagno, tra gli specchi astanti
uguali a grandi eunuchi non curanti,
nei vasi di maioliche preziose.
Rose incinte di rosso (oh ombelicato
ventre d’estasi). Il loro lieve odore
dà come il sentimento di frescure
d’un languido crepuscolo rosato
dopo la pioggia, quando canta un gallo,
o d’un placido specchio di cristalli
(Corrado Govoni)

Nera peonia della lingua
lascia che ti spogli
di ogni petalo
di ogni metafora
ma anche allora dici
«seguimi»
e luccichi
attraente e senza fondo
al tuo centro
come una grotta segreta.
(John Taylor)

Molto frequente nel tattoo giapponese, sia come soggetto principale sia come motivo di riempimento o sfondo per disegni che raccontano storie e leggende, la peonia è davvero bella: detta anche “rosa senza spine”, ha petali voluminosi che danno un impatto rotondo.
(Alle Tattoo)

– Se la tua peonia è bianca o rosa chiara stai rappresentando delicatezza e purezza;
– Una peonia di un rosa più scuro è sinonimo di romanticismo
– Infine, la più onorevole e apprezzata in Cina e Giappone è quella rossa, simbolo di rispetto e prosperità.
(Alle Tattoo)

Appariscente, lussureggiante, elegante incarna amore e affetto, prosperità, onore, valore, nobiltà d’animo e, in piena fioritura, pace. Dolcemente profumata e di lunga durata, definita “rosa senza spine” dagli europei, simbolo delle romantiche storie d’amore, spesso impiegata in occasione di matrimoni, la peonia celebra il 12° anniversario di matrimonio. Pianta vibrante e viva, ricca di magnifici fiori e di foglie verdi, il significato della peonia è anche un auspicio cinese di buona fortuna, così i dipinti che la rappresentano sono spesso appesi in casa come portafortuna e in ufficio per concludere buoni affari.
(Daphne & Cloe)

Una leggenda racconta che le ninfe maliziose si nascondevano nei petali delle peonie che così sono diventate il simbolo del senso di vergogna o di timidezza.
(Daphne & Cloe)

Nel contesto della cultura cinese la peonia è ritenuta la regina dei fiori, ed è paragonabile al significato che compete, nella nostra cultura, alla rosa
(Carl H. Hempen)

Perché con la peonia non si scherza. La sua bellezza di tenera farfalla nasconde una pianta esigente e caratteriale che va assecondata nei suoi desideri. Troppo sole e troppa acqua potrebbero essere deleteri. Poco sole e poca acqua pure.
(Serena Dandini)

Le api! Si lasciano adescare nelle posizioni più ridicole: fiutano con l’avidità di un maiale nel fitto ciuffo viola di un cardo; si contorcono goffamente nella capigliatura bionda di stami e degna di una Medusa di un’unica peonia
(Michael Pollan)

Annunci