Frasi, citazioni e aforismi sulla Francia e i francesi

Presento la più ampia raccolta in lingua italiana di frasi, citazioni e aforismi sulla Francia e i francesi. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi su Parigi, Frasi, citazioni e aforismi sull’Inghilterra e gli inglesi e Frasi, citazioni e aforismi sull’America.

**

Frasi, citazioni e aforismi sulla Francia e i francesi

Francia

Come si può governare un paese che ha duecentoquarantasei varietà differenti di formaggio?
(Charles de Gaulle)

I francesi non saranno mai capaci di un regicidio.
(Luigi XVI, 14 luglio 1789, giorno della Presa della Bastiglia)

In Francia, tutto accade, soprattutto ciò che è impossibile.
(Philippe Benoit)

Toccate un francese, e ne uscirà una scintilla.
(Anne Barratin)

Francia, madre delle arti, delle armi e delle leggi.
(Joachim du Bellay)

Ciò che non è chiaro non è francese.
(Conte di Rivarol)

Signori, la Francia, per diventare la Francia, ha speso sei secoli di Storia e di sangue, e sessanta Re. E ora dovrebbe contentarsi di ridiventare un pezzo d’Europa, e basta?
(Charles de Gaulle)

La Francia e la Germania sono essenzialmente l’Europa. La Germania è il cuore; la Francia è la testa.
(Victor Hugo)

In Francia si avverte la “citoyenneté” che è appartenenza della nazione, senso della collettività, dei diritti e dei doveri.
(Stefano Accorsi)

La Francia è stata sovente ingannata, come lo può essere una donna, da idee generose e da sentimenti calorosi la cui portata spesso sfugge al calcolo.
(Honoré de Balzac)

I francesi sarebbero il popolo più felice della terra se la vanità non turbasse la loro felicità.
(EM Cioran)

Per i francesi, nel loro inconscio, la loro lingua non è solo il segno di appartenenza alla comunità, ma è anche il segno di un’unione mistica. Parlare, scrivere in francese, è comunicare con l’anima della Francia.
(Jean-Marie Rouart)

Non sono rari gli storici francesi per i quali la storia del mondo è un episodio della storia di Francia.
(Nicolás Gómez Dávila)

La civiltà francese, erede della civiltà ellenica, ha lavorato per dei secoli per formare degli uomini liberi, vale a dire pienamente responsabili dei loro atti: la Francia si rifiuta di entrare nel paese dei Robots.
(Georges Bernanos)

La Francia, il più bel regno dopo quello dei cieli.
(Hugo Grotius)

In Francia, la cucina è una forma seria d’arte e uno sport nazionale.
(Julia Child)

Ciò che domina nella nazione francese, è l’elemento geometrico; nella nazione tedesca, è l’elemento metafisico; nella nazione italiana, l’elemento artistico.
(Marie d’Agoult)

Sia lode ai francesi che si son presi a cuore i due bisogni fondamentali della società umana: il mangiar bene e l’eguaglianza civile, e han fatto passi da gigante nell’arte culinaria e nella libertà.
(Heinrich Heine)

Non esiste una razza francese. La Francia è una nazione, vale a dire un’opera umana, una creazione dell’uomo; il nostro popolo è composto di tanti elementi diversi quanto un poema o una sinfonia.
(Georges Bernanos)

Il popolo francese è nato da una madre cristiana e da un padre ignoto… Dico padre ignoto perché la Francia è sempre stata una nazione di immigrati.
(Andre Frossard)

L’Inghilterra è un impero, La Germania un paese e una razza, la Francia è una persona.
(Jules Michelet)

La Francia è un paese che adora cambiare governo a condizione che sia sempre lo stesso.
(Honoré de Balzac)

I francesi sono persone impossibili che ripetono che l’impossibile non è francese.
(Robert Sabatier)

I francesi non sanno ciò che vogliono.
(Alphonse Karr)

I francesi vorrebbero ciascuno un privilegio, perché questo è il loro modo di amare l’uguaglianza.
(Charles de Gaulle)

Il paesaggio è delizioso, vario pur nella sua monotonia, aereo, incantevole, di una bellezza che ammalia senza avvincere, che affascina senza sedurre e che, in una parola, dimostra di possedere più buon senso che grandezza e più intelligenza che poesia: è la Francia.
(Gustave Flaubert)

La Francia senza Parigi è come un cosciotto di carne senza mostarda.
(Pierre Perre)

Salvare Parigi è più che salvare la Francia, è salvare il mondo. Parigi è il centro stesso dell’umanità. Parigi è città sacra. Chi attacca Parigi attacca in massa tutto il genere umano.
(Victor Hugo)

Dio ha inventato i parigini perché gli stranieri non possano comprendere nulla dei francesi.
(Alexandre Dumas)

Gli studiosi di simboli spesso osservavano come la Francia – paese famoso per il masochismo, l’adulterio e i suoi capi di Stato insicuri e di bassa statura come Napoleone e Pipino il Breve – non avrebbe potuto scegliere un simbolo nazionale più adatto di quello: un fallo eretto, alto trecento metri.
(Dan Brown riferito alla Torre Eiffel)

La Francia è come una vecchia badante che alleva i figli di un altro popolo.
(Renaud Camus)

Non bisogna dimenticate tutto ciò che gli immigrati hanno dato alla Francia, i Picasso, Béart, Cioran… E’ una possibilità straordinaria per la Francia, ci potranno essere tra di loro dei futuri Aznavour, chi lo sa?
(Aznavour)

Mi piacciono molto i francesi, perché anche quando ti insultano lo fanno in maniera molto graziosa.
(Joséphine Baker)

La Francia mi ha dato il suo cuore; il minimo che io possa fare è di darle la vita.
(Joséphine Baker)

E’ bella la Bretagna e poi non è lontana dalla Francia.
(Coluche)

La differenza culturale tra i francesi e gli spagnoli è che noi spagnoli sappiamo tutto della Francia, e i francesi non sanno nulla della Spagna.”
(Luis Buñuel)

Sono innanzi tutto un uomo e francese solo per caso.
(Montesquieu)

La Francia fu per lungo tempo un dispotismo temperato dagli epigrammi.
(Thomas Carlyle)

Non mettete mai in dubbio il coraggio dei francesi. Sono stati loro a scoprire che le lumache sono commestibili.
(Doug Larson)

Com’è il Paradiso? C’è il meglio di tutto: cibi deliziosi, vini di gran classe, clima dolcissimo e una vista superba da tutti i punti cardinali. Un po’ come la Francia, ma senza i francesi.
(Jeremy Pascall)

La Francia della mia infanzia e della mia educazione è morta. Mi sento un’immigrata nel mio stesso paese, diventato un territorio straniero.
(Brigitte Bardot)

Ohimè! La Francia non pensa più, non fantastica più, o finge non ricordarsi, quello che credette, intravvide, disse, fece nei suoi splendidi giorni “grandezza e di fede?. Ella ha spenta l’anima sua o la lasciò spegnere da un soffio passeggiero; e di tanta fiamma e di tanto bene del passato ora che resta? Nulla, se non se qua e colà l’ultimo riverbero obliato d’una gloria sepolta.
(Eugène Pelletan)

La Francia, paese dove spesso giova far mostra dei propri vizi ed è sempre pericoloso rivelare le proprie virtù.
(Nicolas de Chamfort)

Il dramma della Germania è di non avere avuto un Montaigne. Che fortuna, per la Francia, aver cominciato con uno scettico!
(EM Cioran)

Soltanto i popoli litigiosi, indiscreti, gelosi, recriminanti, hanno una storia interessante: quella della Francia lo è in massimo grado.
(EM Cioran)

In Francia, lo scherzo è re e signore di tutto: si scherza sul patibolo, alla Beresina, sulle barricate, e qualche francese probabilmente scherzerà anche alla grande assise del Giudizio universale.
(Honoré de Balzac)

La nazione francese sarebbe più saggia se avesse meno spirito.
(Giacomo Casanova)

In Parigi mi guardavano allibiti quando parlavo loro in francese; non sono mai riuscito a far comprendere a quegli idioti la loro lingua.
(Mark Twain)

I matematici sono come i francesi: se dici loro qualcosa, lo traducono nella propria lingua, e, oplà! diventa una cosa completamente diversa.
(Goethe)

In Francia troppi castelli e troppe bandiere.
(Proverbio)

In Francia molti ospiti e pochi amici.
(Proverbio)

L’italiano è savio e lo pare, lo spagnolo par savio e non lo è, il francese è savio senza saperlo
(Proverbio)

Liberté, Égalité, Fraternité. – Libertà, Uguaglianza, Fratellanza.
(Motto nazionale della Repubblica Francese)

La nostra cultura, i nostri artisti, i nostri creatori, con il loro genio, la loro auducia, inspirano dappertutto nel mondo questo desiderio della Francia.
(Manuel Valls)

La vera Francia è la Francia invisibile. La sua potenza non ha nulla a che vedere con la potenza militare, industriale o finanziaria. Essa è intellettuale e morale. Questa Francia invisibile, la sola reale, esiste nella misura in cui difede i diritti dello spirito e, soprattutto, la libertà dello spirito, tutto ciò nel rispetto assoluto dei valori comuni.
(Jacques de Bourbon Busset)