Poesie d’amore brevi: le 40 più romantiche per Lei o per Lui

Poesie Amore Brevi - Aforisticamente
Poesie Amore Brevi - Aforisticamente

Le poesie d’amore possono essere scritte in poche righe o poche parole. Ma ognuna di essere può esprimere – nella sua brevità – degli istanti di romanticismo indimenticabili.

Presento qui di seguito una raccolta delle più belle poesie d’amore brevi. Tra i temi correlati si veda Le più belle poesie brevi e Le più belle poesie d’amore.

**

Poesie d’amore brevi: le 40 più romantiche per Lei o per Lui

Emily Dickinson, Talvolta con il cuore

Talvolta con il Cuore
Raramente con l’anima
Ancora meno con la forza
Pochi – amano davvero.

**

Saffo, Dicono alcuni che sulla terra nera

Dicono alcuni che sulla terra nera
la cosa più bella sia un esercito di
cavalieri; altri dicono di fanti; altri dicono di
navi. Per me, invece, è ciò che si ama.

**

Odisseas Elitis, Nel paradiso ho disegnato un’isola

Nel paradiso ho disegnato un’isola
a te uguale e una casa sul mare
con un grande letto e una piccola porta.

**

Franco Arminio, La prima volta non fu quando ci spogliammo

La prima volta non fu quando ci spogliammo
ma qualche giorno prima,
mentre parlavi sotto un albero.
Sentivo zone lontane del mio corpo
che tornavano a casa.

**

Fernando Pessoa, Quasi anonima sorridi

Quasi anonima sorridi
e il sole indora i tuoi capelli.
Perché per essere felici
è necessario non saperlo?

**

Frida Kahlo, Ti meriti un amore

Ti meriti un amore che ti spazzi via le bugie,
che ti porti il sogno
il caffè e la poesia.

**

Efraim Medina Reyes, Tu mi ricordi

Tu mi ricordi
una poesia che non riesco a ricordare
una canzone che non è mai esistita
e un posto in cui non devo essere
mai stato

**

Nazim Hikmet, Il più bello dei mari

Il più bello dei mari
è quello che non navigammo.
Il più bello dei nostri figli
non è ancora cresciuto.
I più belli dei nostri giorni
non li abbiamo ancora vissuti.
E quello
che vorrei dirti di più bello
non te l’ho ancora detto.

**

Walt Whitman, Fra i rumori della folla

Fra i rumori della folla
ce ne stiamo noi due,
felici di essere insieme,
parlando piano,
forse nemmeno una parola.

**

Giorgio Caproni, A Rina

Senza di te un albero
non sarebbe più un albero.
Nulla senza di te
sarebbe quello che è

**

Pablo Neruda, Sonetto XVII

T’amo senza sapere come, né quando, né da dove,
t’amo direttamente senza problemi né orgoglio:
così ti amo perché non so amare altrimenti
che così, in questo modo in cui non sono e non sei,
così vicino che la tua mano sul mio petto è mia,
così vicino che si chiudono i tuoi occhi col mio sonno.

**

Pedro Salinas, Non ho bisogno di tempo

Non ho bisogno di tempo
per sapere come sei:
conoscersi è luce improvvisa.

**

Juan Ramón Jiménez, Quando mi chino

Quando mi chino sulla tua anima, mentre dormi,
e ascolto, col mio orecchio
sul tuo petto nudo,
il tuo cuore tranquillo, mi sembra
di cogliere, nel suo battito profondo,
il segreto del centro del mondo.

**

Rabinandrath Tagore, siedo sull’erba

Siedo sull’erba e guardo il cielo,
e sogno l’improvviso splendore
del tuo arrivo.

**

Saffo, È tramontata la luna

È tramontata la luna
insieme alle Pleiadi
la notte è al suo mezzo
il tempo passa
io dormo sola.

**

Leo Delibes, Dammi la tua mano

Dammi la tua mano…
Vedi?
Adesso tutto pesa la metà…

**

Fabrizio Caramagna, Ma quanto ci metti?

Ma quanto ci metti a venire da me?
Io non so nemmeno da quanto ti aspetto.
Guardo gli orari di treni che non esistono
per venirti a cercare in luoghi che non conosco
in una vita che deve ancora arrivare.
Facciamo un gioco.
Io non ti cerco più. E tu mi accadi adesso.

**

Ghiannis Ritsos, Neanche stanotte

Neanche stanotte luna piena.
Ne manca una parte.
Il tuo bacio.

**

Viktor Šklovskij, Mi hai dato due incarichi

Mi hai dato due incarichi.
1) Non telefonarti.
2) Non vederti.
Adesso sono un uomo occupato.
C’è anche un terzo incarico: non pensare a te.
Ma tu non me l’hai affidato.

**

Emily Dickinson, Chi è amato non conosce morte

Chi è amato non conosce morte,
perché l’amore è immortalità,
o meglio, è sostanza divina.
Chi ama non conosce morte,
perché l’amore fa rinascere la vita
nella divinità.

**

Giovanni Testori, Bisogna amarsi meno

Bisogna amarsi meno,
bisogna lasciare al tempo
l’ingorda gioia d’insegnare
che l’amore non è ricevere,
né dare,
ma lasciarsi prendere,
affondare.

**

Marina Cvetaeva, L’amore è sutura

L’amore è sutura,
non benda,
non scudo,
sutura.

**

Nizar Qabbani, Continui a chiedermi la data della mia nascita

Continui a chiedermi la data della mia nascita
prendi nota dunque
ciò che tu non sai,
la data del tuo amore:
quella è per me la data della mia nascita.

**

Walt Whitman, Se tardi a trovarmi, insisti

Se tardi a trovarmi, insisti.
Se non ci sono in nessun posto,
cerca in un altro, perché io sono
seduto da qualche parte,
ad aspettare te…
e se non mi trovi più, in fondo ai tuoi occhi,
allora vuol dire che sono dentro di te.

**

Alda Merini, Accarezzami

Accarezzami, amore
ma come il sole
che tocca la dolce fronte della luna.
Non venirmi a molestare anche tu
con quelle sciocche ricerche
sulle tracce del divino.
Dio arriverà all’alba
se io sarò tra le tue braccia.

**

Lucía Rivadeneyra, Attaccapanni

Mi sono affezionata all’attaccapanni
perché riceve con umiltà
la tua giacca, la tua camicia, i tuoi pantaloni.
E’ il mio complice più fedele
perché bada con zelo ai tuoi abiti quando mi ami.
Non dice che li accarezzo mentre dormi
né che alle loro asole abbottono i miei sogni.
L’attaccapanni soffre con me
se stacchi i tuoi indumenti per andartene
a camminare senza grinze per le strade”

**

Rupi Kaur, Il modo in cui ti ami

Il modo in cui ti ami è
il modo in cui insegni agli altri
ad amarti.

**

Paul Éluard, A due a due

Non andremo più alla meta a uno a uno
ma a due a due. Conoscendoci
a due a due noi ci conosceremo
tutti, noi ci ameremo tutti e i nostri figli
rideranno della leggenda nera dove
piange un solitario.

**

Edward Estlin Cummings, Fidati del tuo cuore

Fidati del tuo cuore
se il mare prende fuoco
(e vivi per amore
anche se le stelle camminano all’indietro)

**

Nizar Qabbani, La cosa più bella del nostro amore

La cosa più bella del nostro amore è che esso
non ha razionalità né logica
La cosa più bella del nostro amore è che esso
cammina sull’acqua e non affonda.

**

Catullo, Odio e amo

Odio e amo. Perché lo faccia, ti chiedi forse.
Non lo so, ma sento che succede e mi tormento.

**

Erich Fried, È quel che è

È ridicolo
dice l’orgoglio
È avventato
dice la prudenza
È impossibile
dice l’esperienza
È quel che è
dice l’amore.

**

Emily Dickinson, Che sia l’amore tutto ciò che esiste

Che sia l’amore tutto ciò che esiste
É ciò che noi sappiamo dell’amore;
E può bastare che il suo peso sia
Uguale al solco che lascia nel cuore.

**

Henrik Nordbrandt, Agorafilia

Tu sei il mio amore e la mia disperazione.
Tu sei la mia follia e la mia saggezza.
E sei tutti i luoghi in cui non sono stato
e che mi chiamano da tutti gli angoli del mondo.
Tu sei queste sei righe
cui devo limitarmi per non gridare.

**

Jacques Prévert, Alicante

Un’arancia sulla tavola
il tuo vestito sul tappeto
e nel mio letto tu
dolce presente del presente
freschezza della notte
calore della mia vita.

**

Khalil Gibran, Segui l’amore

L’amore non dà nulla fuorché sé stesso
e non coglie nulla se non da sé stesso.
L’amore non possiede,
né vorrebbe essere posseduto
poiché l’amore basta all’amore.

**

Saffo, Come violento sui monti

Come violento sui monti
scuote le querce il vento,
così Amore ha travolto
l’anima mia, la ragione.

**

Rabindranath Tagore, Lascia il tuo cuore

Lascia il tuo cuore
scoppiare finalmente,
cedi, gemma, cedi.
Lo spirito
della fioritura
s’è abbattuto su di te.
Puoi rimanere
ancora bocciolo?

**

Pablo Neruda, Abbiamo perso ancora questo tramonto

Abbiamo perso ancora questo tramonto.
Nessuno ci vide questa sera con le mani intrecciate
mentre la notte azzurra cadeva sopra il mondo…
Io ti ricordavo con l’anima stretta
da quella tristezza che tu mi conosci.
Allora dove eri?
Tra quali genti?
Dicendo quali parole?…
Sempre, sempre ti allontani nelle sere
là dove corre il crepuscolo cancellando statue”.
(Pablo Neruda)

**

Rupi Kaur, Le persone vanno

Le persone vanno
ma il modo
in cui vanno
resta per sempre.