Frasi, citazioni e aforismi sul veliero

Presento una raccolta di frasi, citazioni e aforismi sul veliero. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sulla nave e la barcaFrasi, citazioni e aforismi sulla vela , Frasi, citazioni e aforismi sul mare e 400 frasi per i tatuaggi.

**

Frasi, citazioni e aforismi sul veliero

Una vita senza amore è come un veliero senza vento
(Anonimo)

Immerso nei tuoi pensieri stai in mezzo agli scogli, su cui si frange l’onda del mare – non lontano scivola via, davanti a te, la spettrale muta bellezza di un grande veliero…
(Friedrich Nietzsche)

Nella forma che il caso e il vento danno alle nuvole l’uomo è già intento a riconoscere figure: un veliero, una mano, un elefante…
(Italo Calvino)

Il veliero è una macchina che compie il suo lavoro in silenzio perfetto, con grazia immobile, e par nascondere una forza capricciosa e non sempre governabile, che non prende nulla dalle riserve governabili della terra. Non fa per lei l’ineffabile precisione dell’acciaio mosso dal bianco vapore e alimentato da fuoco rosso e da carbone nero. Essa invece par trarre la sua forza dall’anima stessa del mondo, suo formidabile alleato, tenuta all’obbedienza da fragilissimi legami, come un fiero fantasma catturato da una trappola di fili ancora più sottili della seta. Infatti che cosa sono il complesso delle corde più robuste, degli alberi più alti, delle tele più tenaci contro il possente respiro dell’infinito? Sono teli di ragno, steli di cardo, garze.
(Joseph Conrad)

Era un bellissimo veliero, lungo, affilato, che a vento largo, o, meglio ancora, con vento di poppa doveva filare meglio di tutte le navi a vapore.
(Emilio Salgari)

Una volta ho costruito un veliero dentro una bottiglia. Hanno dovuto romperla per tirarmi fuori.
(Steven Wright)

Homeward bound
(“Diretto verso casa”, frase accanto all’immagine tatuata di un veliero)

La vera pace di Dio comincia in qualunque luogo che sia mille miglia distante dalla terra più vicina.
(Joseph Conrad)

A te che sogni una stella ed un veliero
Che ti portino su isole dal cielo più vero.
(Rino Gaetano)

Di tutte le cose che non faremo, quello di abbracciarci in un faro sulla luna mentre passa il veliero di una cometa, resta la più triste.
(Fabrizio Caramagna)

Mia madre si vestiva di chiaro. Sul suo abito da spiaggia, bianco e senza maniche, erano impresse delle navi, velieri, intonate al mare.
(Ilma Rakusa)

I significati del veliero sono tanti e sfaccettati. Potresti decidere di tatuartelo se ami viaggiare, se hai voglia di esplorare il mondo e di vivere emozioni sempre nuove mentre solchi il tuo mare con il vento in poppa!
Può indicare anche il fatto che ti sei prefissato un obiettivo e che hai disegnato una rotta da seguire.
(Alle Tattoo)

Se tatui il veliero insieme alle rondini è un “promemoria”: ti ricorda che nonostante la lontananza e le continue partenze, c’è sempre una casa che ti aspetta.
(Alle Tattoo)

Accompagnato dal mare in burrasca, il veliero sta a significare che stai attraversando un momento difficile, oppure che hai commesso un errore che non vuoi ripetere mai più.
(Alle Tattoo)

Sulla prua, sotto il bompresso (quell’albero inclinato di 20 gradi che serve per facilitare la navigazione) c’è la polena, una scultura di legno. Io me la immagino sempre come una sirena o una bella donna con i capelli al vento, invece le più diffuse erano a forma di drago, di leone o di mostro marino, e serviva non tanto per attirare l’attenzione quanto per incutere terrore ai pirati e tenere lontano gli spiriti maligni.
(Alle Tattoo)

La bandiera del veliero: solitamente si trova nell’albero di prua o di mezzo; ricordati che deve sventolare sempre nella stessa direzione in cui la vela fa la pancia.
(Alle Tattoo)

Il mio letto è una nave
Il mio letto è come un veliero:
Cummy alla sera mi aiuta a imbarcare,
mi veste con panni da nocchiero
e poi nel buio mi vede salpare.
Di notte navigo e intanto saluto
tutti gli amici che attendono al molo,
poi chiudo gli occhi e tutto è perduto
non vedo e sento più, navigo solo
(Robert Louis Stevenson)

Una volta entrai nel museo. Era gratis, a quei tempi… I quadri io non li capivo, ma salito al terzo piano trovai la sezione della Marina. Allora non lo lasciai più. Ci tornavo molto regolarmente. Ci passai settimane intere… Li conoscevo tutti i modelli… Me ne restavo solo davanti alle vetrine… Dimenticavo tutti i guai, i posti, i padroni, il pastingolo… Non pensavo più che alle navi… A me i velieri, anche in semplici modelli, francamente han sempre fatto girar la testa… Mi sarebbe piaciuto molto fare il marinaio…
(Louis-Ferdinand Céline)

Quando ci perdiamo nel soffice sonno, e nel sogno come in un veliero da favola andiamo sempre più alla deriva attraverso l’incantata oscurità verso il purpureo mattino – poca cura prestiamo a quel dolce amaro mondo che conosciamo di giorno.
(Thomas Bailey Aldrich)

Rivedo il bel veliero
della mia fanciullezza: un po’ di sole
sul bordo affaccendato, e la tremenda
pace di un sogno
(Anna Maria Ortese)

Prima della poesia viene la pace,
un lago sempiterno e pieno
sopra il quale non passa nulla,
neanche un veliero…
(Alda Merini)

Un signore si rallegrava col comandante d’un veliero per il coraggio con cui abitualmente affrontava le insidie del mare.
“È il mestiere di famiglia”, rispose modestamente il capitano.
“Suo nonno com’è morto?” domandò l’uomo di terra.
“In un naufragio”.
-“E suo padre?”
“È finito a picco”.
“E lei continua a navigare?”
“Certamente. Adesso risponda lei. Suo nonno com’è morto?”
“Nel suo letto”.
“E suo padre?”
“Anche”.
“E lei tutte le notti continua ad andare a dormire?”
(Cesare Marchi)

Quando non può più lottare contro il vento e il mare per seguire la sua rotta, il veliero ha due possibilità: l’andatura di cappa (il fiocco a collo e la barra sottovento) che lo fa andare alla deriva, e la fuga davanti alla tempesta con il mare in poppa e un minimo di tela. La fuga è spesso, quando si è lontani dalla costa, il solo modo di salvare barca ed equipaggio. E in più permette di scoprire rive sconosciute che spuntano all’orizzonte delle acque tornate calme. Rive sconosciute che saranno per sempre ignorate da coloro che hanno l’illusoria fortuna di poter seguire la rotta dei carghi e delle petroliere, la rotta senza imprevisti imposta dalle compagnie di navigazione.
(Henri Laborit)

Io sono stanco di tutte quest’ali che battono
a tempo di remo, e delle civette
che fanno il lamento dei cani
quando è vento di luna ai canneti.
Io voglio partire, voglio lasciare quest’isola”.
Ed essa: “O caro, è tardi: restiamo”.
Allora mi misi lentamente a contare
i forti riflessi d’acqua marina
che l’aria mi portava sugli occhi
dal volume dell’alto veliero.
(Salvatore Quasimodo)

Non esiste Veliero che come un Libro
Possa rapirci
in Terre lontane
Né eleganti Destrieri che possano correre
E impennarsi come una Pagina di Poesia
(Emily Dickinson)

La sensazione di profondo isolamento a bordo di un veliero, dove gli strumenti di propulsione lavorano all’aria aperta e la vita quotidiana si svolge sotto gli occhi di tutti, e dove vengono offerti interessi diversificati come il carattere umano e lo sforzo individuale e, è sempre meno opprimente che su un piroscafo anche molte volte più grande.
(Joseph Conrad)

Un veliero prendeva il largo. Ho visto tutti i piccoli uomini a bordo, e come si è spiegata la vela e come il veliero è andato più rapido quando la vela ha preso il vento
(Katherine Mansfield)