Frasi, citazioni e aforismi sulla pigna

Annunci

Presento una raccolta di frasi, citazioni e aforismi sulla pigna. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sul frutto, Frasi, citazioni e aforismi sugli alberi, Frasi, citazioni e aforismi sul seme e Frasi, citazioni e aforismi sul melograno.

**

Frasi, citazioni e aforismi sulla pigna

La pigna è una tartaruga vegetale.
(Ramón Gómez de la Serna)

All’ombra verde
nel dormiveglia dolce
cade una pigna
(Sono Uchida)

Ho dato un calcio
alla pigna, echeggia vuota
strada d’inverno.
(Sono Uchida)

Cadono comandate
le pigne. Sopra tutto si gingilla
il tempo.
Cadono le aghe dei pini quando è ora.
C’è obbedienza nel regno.
(Mariangela Gualtieri)

Quando l’autunno apre le pigne,
sorprende i pinoli che si raccontano le storie del bosco.
(Fabrizio Caramagna)

Notte d’autunno
Ti penso mentre passeggio.
Cadono pigne dal monte.
Forse l’animo tuo non dorme ancora.
(Wei Yingu)

Il Vento dal Frutteto non è arrivato – oggi –
Più oltre di là –
Non si è fermato a giocare con il Fieno –
Né a minacciare un Cappello –
È un tipo volubile – veramente –
Puoi star certo –
Se lascia una Pigna alla porta
Sappiamo che si è arrampicato su un Abete.
(Emily Dickinson)

La candida luna entra nel cuore del fiume;
le azalee in fiore stordiscono l’aria;
in piena notte una pigna cade a terra.
(Kenneth Rexroth)

La pigna è anche un simbolo molto forte, lo ritroviamo nella cultura sumera, babilonese, egizia, indiana, greca e romana. Quasi sempre era posta a ornamento, all’estremità del bastone impugnato da alcune divinità, quali Tummuz e Osiride, Dioniso e Bacco. Sempre nella stessa posizione la troviamo anche nel bastone del Papa, la ferula di San Pietro.
(Marianna Maiorino)

La pigna indica l’immortalità, il divino e i suoi poteri, rimanda al concetto di rinascita e alla forza rigeneratrice, tutta contenuta nei moltissimi semi protetti nello strobilo.
(Marianna Maiorino)

Come il melograno e il papavero, le pigne sono ricche di semi e richiamano l’aspetto dell’abbondanza e della fertilità.
(Anna Muggia)

La faccia sua mi parea lunga e grossa
come la pina di San Pietro a Roma,
e a sua proporzione eran l’altre ossa.
(Dante Alighieri, Inferno, XXXI, 58-60)

[Riferendosi alla vita]
Non trovo nulla – le dico –
a cui paragonarti.
Nessuno ha fatto un’altra pigna
né migliore, né peggiore.
Lodo la tua larghezza,
inventiva ed esattezza,
e cos’altro – e cosa più –
magia, stregoneria.
(Wisława Szymborska)

Un suo amico di Lastra a Signa
buttava i pinoli
e mangiava la pigna.
Un suo cugino di Prato
mangiava la carta stagnola
e buttava il cioccolato.
Tanta gente non lo sa
e dunque non se ne cruccia:
la vita la butta via
e mangia soltanto la buccia.
(Gianni Rodari)

Se non hai mai scovato e spaccato i gusci dei pinoli da dentro una pigna, non puoi dire di essere stato un bambino sporco ma felice.
(iBlulady, Twitter)

Le pigne sono speciali, la loro geometria in accumulo mi ipnotizza e non mi risolve, e così lo scheletro delle foglie, l’architettura dei semi e del polline, ma le pigne di più, sempre di più.
(differita, Twitter)

Annunci

– Non sapevo abitassi in una pigna.
+ Guarda che si dice “strobilo”
– Ecco, sei il solito pinolo.
(alecerio, Twitter)

Avete le pigne in testa e nemmeno una manciata di pinoli per fare il pesto.
(Anonimo)

Tutti abbiamo la corteccia cerebrale alcuni con allegate anche le pigne.
(LedyStefy, Twitter)

La resina brilla sulle pigne
Su rocce e prati
Sciami di nuovi insetti.
(Gary Snyder)

È bastato il fruscio della foglia a scuotere l’albero che comincia a lamentarsi. D’albero in albero, il lamento si estende; tutto il frutteto è agitato, e sembra che non sia il vento a scuoterlo, ma una forza interiore, un’angoscia mista a rivolta.
Giu tutte le foglie! È inutile tenerle quando non sono pio parte viva del ramo: e con le foglie cade anche qualche frutto: la pigna si spacca e i pignoli si staccano e cadono.
(Grazia Deledda)

Lei cerca di aprire una pigna per prendere i pinoli.
Pensa che, le cose buone, sono nascoste sotto a scorze durissime.
(AlbertHofman72, Twitter)

Le pigne che cadono dalla magnolia mi ricordano quanto è prorompente la vita, che da ogni separazione lascia i semi per la rinascita
(Giorgio Bardaglio)

Ho cinque anni e ho appena raccolto quattro foglie gialle, cinque rosse, due un po’ marroni e un po’ verdi, una pigna vuota, un sassolino rotondo, un bastoncino di legno, un filo di spago spezzato e una formica nera.
La vita dovrebbe essere sempre così.
(TatilaFoca, Twitter)

Annunci