60 frasi storiche

Frasi storiche - Aforisticamente
Frasi storiche - Aforisticamente

Quali sono le citazioni e frasi storiche che hanno contrassegnato diversi momenti della storia?

Qui di seguito il lettore troverà un elenco di 60 frasi storiche e celebri pronunciate da personaggi della politica, della scienza, della letteratura e della filosofia.

Tra i temi correlati Frasi, citazioni e aforismi sulla storia, Gli slogan e i motti più famosi e celebri della storia e 200 frasi celebri brevi.

**

60 frasi storiche e celebri

È un piccolo passo per un uomo, ma un grande passo per l’umanità.
[One small step for a man, one giant leap for mankind.]
(Neil Armstrong, sbarcando sulla luna)

Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo.
(Mahatma Gandhi)

La pace viene da dentro. Non cercarla fuori.
(Buddha)

Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno.
(Gesù, Vangelo di Luca)

Veni, vidi, vici – Venni, vidi, vinsi.
(Gaio Giulio Cesare, frase con la quale annuncia la vittoria riportata il il 2 agosto del 47 a.C. contro l’esercito di Farnace II)

Fatta l’Italia, bisogna fare gli italiani.
(Massimo D’Azeglio)

Preferisco morire in piedi piuttosto che vivere in ginocchio.
(Ernesto Che Guevara)

Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci.
(Mahatma Gandhi)

È più facile che un cammello passi per la cruna di un ago che un ricco entri nel regno di Dio
(Gesù, Vangelo di Marco)

Non interrompere mai il tuo nemico mentre sta facendo un errore
(Napoleone Bonaparte)

Arrivare secondo significa soltanto essere il primo degli sconfitti”.
(Ayrton Senna)

Siate affamati, siate folli.
(Steve Jobs)

Eppur si muove.
(Galileo Galilei)

Ci sono molte regioni per cui sono disposto a morire, ma non ce n’è neppure una per cui sono disposto ad uccidere.
(Mahatma Gandhi)

L’importante non è vincere ma partecipare.
(Pierre de Coubertin all’inaugurazione dei primi Giochi Olimpici)

Se non hanno pane, che mangino brioche.
(Maria Antonietta d’Asburgo-Lorena, moglie di Luigi XV, commentando i primi moti della Rivoluzione francese)

Houston, abbiamo un problema – Houston, we have a problem.
(dall’astronave Apollo 13)

La religione è l’oppio dei popoli.
(Karl Marx)

Il fine giustifica i mezzi.
(Niccolò Machiavelli)

Ciò che non ti uccide ti rende più forte.
(Friedrich Nietzsche)

Solo due cose sono infinite, l’universo e la stupidità umana, e non sono sicuro della prima.
(Albert Einstein)

Più grande la menzogna più grandi le probabilità che venga creduta.
(Adolf Hitler)

Se avanzo seguitemi, se indietreggio uccidetemi, se muoio vendicatemi
(Benito Mussolini)

Che mi odino, purché mi temano – Oderint dum metuant.
(Caligola)

Date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio.
(Gesù, Vangelo di Matteo)

Potete ingannare tutti per qualche tempo, o alcuni per tutto il tempo, ma non potete ingannare tutti per tutto il tempo.
(Abraham Lincoln)

Dico che il mondo non è così grande come lo pretende la gente
(Cristoforo Colombo)

Penso dunque sono – Je pense donc je suis.
(Cartesio)

Essere o non essere, questo è il problema.
(William Shakespeare, Amleto)

Wellington è un pessimo generale. Prevedo la vittoria entro l’ora di pranzo.
(Napoleone Bonaparte, prima di Waterloo, nel 1815)

Ancora qualche vittoria come questa e non avrò più soldati.
(Pirro, re di Epiro dopo la vittoria sui Romani nel 280 A.C., da qui il termine Vittoria di Pirro)

Nella guerra, determinazione; nella sconfitta resistenza; nella vittoria, magnanimità; nella pace, benevolenza.
[In War: Resolution, In Defeat: Defiance, In Victory: Magnaminity, In Peace: Good Will.]
(Winston Churchill)

Fate l’amore, non la guerra – Make love not war.
(Slogan dei moti studenteschi del 1968)

Tutto è perduto fuorché l’onore.
(Francesco I, re di Francia, dopo aver perso contro Carlo V a Pavia nel 1520)

L’umanità deve porre fine alla guerra, o la guerra porrà fine all’umanità.
[Mankind must put an end to war or war will put an end to mankind.]
(John Fitzgerald Kennedy, 5 settembre 1961)

La prima regola: non perdere denaro. La seconda : non dimenticare mai la prima.
(Warren Buffett)

Whatever it takes – Costi quel che costi.
(La storica frase fu pronunciata dal presidente della Bce, Mario Draghi, nel luglio 2012 in riferimento agli sforzi che l’istituto di Francoforte avrebbe compiuto per difendere l’euro dalla crisi economica che stava colpendo l’Eurozona. La frase completa è: “Nell’ambito del suo mandato, la BCE è pronta a fare tutto ciò che è necessario per preservare l’euro. E credetemi, sarà abbastanza”)

Parigi val bene una messa – Paris vaut bien une messe.
(Enrico IV di Francia. Il futuro Re, che era ugonotto e di religione protestante, dovette convertirsi al cattolicesimo per poter salire sul trono di Francia)

Se non noi, chi? Se non ora, quando?
(John Fitzgerald Kennedy)

Qui o si fa l’Italia o si muore.
(Giuseppe Garibaldi, prima della battaglia nei pressi di Calatafimi in Sicilia)

Alea iacta est – Il dado è tratto.
(Gaio Giulio Cesare, dopo aver attraversato il Rubicone)

La Russia è un rebus avvolto in un mistero che sta dentro a un enigma.
(Winston Churchill)

Tu quoque, brute, fili mi!
(Ultime parole attribuite a Giulio Cesare mentre riconosceva, tra i congiurati che lo assassinavano, l’amato Marco Giunio Bruto)

Carpe diem – Cogli l’attimo
(Quinto Orazio Flacco)

Sembra sempre impossibile, finché non viene fatto.
(Nelson Mandela)

Sul mio impero non tramonta mai il sole.
(Carlo V d’Asburgo)

Proletari di tutti i Paesi, unitevi!
(Karl Marx)

Libera Chiesa in libero Stato.
(Camillo Benso conte di Cavour)

Trova qualcuno che ti rovini il rossetto, non il mascara.
(Marilyn Monroe)

Io ho un sogno, che un giorno sulle rosse colline della Georgia i figli di coloro che un tempo furono schiavi e i figli di coloro che un tempo possedettero schiavi, sapranno sedere insieme al tavolo della fratellanza.
(Martin Luther King)

Non giudicate, e non sarete giudicati; non condannate, e non sarete condannati; perdonate, e vi sarà perdonato.
(Gesù, Vangelo di Luca)

Me ne lavo le mani.
(Ponzio Pilato)

Potevano scegliere tra la guerra e il disonore. Hanno scelto il disonore e avranno la guerra.
(Winston Churchill, nel 1938 dopo l’accordo di Monaco)

Il potere logora chi non ce l’ha.
(Giulio Andreotti)

La morte di un uomo è una tragedia, la morte di milioni di persone è statistica.
(Josif Stalin)

Una bugia, ripetuta a sufficienza, diventa verità.
(Lenin)

Gli italiani perdono le partite di calcio come se fossero guerre e perdono le guerre come se fossero partite di calcio.
(Winston Churchill)

Prepararsi alla guerra è il miglior modo di preservare la pace.
(George Washington)

Dopo di me il diluvio – Après mio, le déluge.
(Luigi XV)

Lo Stato sono io – L’Etat c’est moi.
(Luigi XIV)

Eureka, Eureka – Ho trovato!Ho trovato!
(Archimede)

Viviamo nel migliore dei mondi possibili.
(Gottfried Wilhelm von Leibniz)

Io non so con quali armi sarà combattuta la terza guerra mondiale, ma so che la quarta sarà combattuta con pietre e bastoni.
(Albert Einstein)