Frasi, citazioni e aforismi sulla fama

Annunci

Presento una raccolta di frasi, citazioni e aforismi sulla fama e l’essere famoso.

Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sull’onore, Frasi, citazioni e aforismi sulla celebrità, Frasi, citazioni e aforismi sui posteri e la posterità e Frasi, aforismi e battute divertenti sui follower.

**

Frasi, citazioni e aforismi sulla fama e l’essere famoso

In futuro saranno tutti famosi per quindici minuti (“In 15 minutes everybody will be famous”).
(Andy Warhol)

C’è una sola cosa al mondo peggiore di essere sulla bocca di tutti, ed è di non essere sulla bocca di nessuno.
(Oscar Wilde)

Le critiche sono la tassa che un uomo paga al pubblico per essere famoso.
(Jonathan Swift)

È bello essere additati e che si dica: è lui!
(Aulo Persio)

Il talento è dato da Dio. Sii umile.
La fama è data dall’uomo. Sii riconoscente.
La presunzione è data da te stesso. Sii prudente.
(John Wooden)

La fama di alcuni autori non resiste all’erosione del tempo. Ma se la data di scadenza è trascorsa, e desta ancora una reazione emotiva dentro di noi, be’, quella è arte e forse è anche verità.
(Neil Gaiman)

Sono sempre stato famosa, è solo che nessuno lo sapeva ancora.
(Lady Gaga)

Il mezzo più efficace di ottener fama è quello di far credere al mondo di esser già famoso.
(Leonardo Da Vinci)

Paris Hilton è famosa per essere famosa.
(Anonimo)

Lolita è famosa, io non sono che un oscuro, doppiamente oscuro, romanziere con un nome impronunciabile.
(Vladimir Nabokov)

Se mi soffio il naso, viene scritto in tutto il mondo.
(Audrey Hepburn)

Il successo mi ha portato miliardi e fama mondiale, ma non quello di cui tutti abbiamo bisogno: un rapporto d’amore.
(Freddie Mercury)

Bellezza, ricchezza e fama sono tre fardelli molto pesanti da portare che non ti lasciano trovare la vera felicità.
(Brad Pitt)

Non possiamo essere tutti delle star perché qualcuno deve sedersi sul marciapiede e battere le mani quando io passo.
(Sebastian Horsley)

Il lato positivo dell’essere famosi è che quando annoi le persone, pensano che sia colpa loro.
(Henry Kissinger)

Prima si cercava la fama. Poi la gloria. Poi la celebrità. Poi la popolarità. Poi la notorietà. Poi la visibilità. Adesso si cercano i like e i retweets. Non si può certo parlare di progresso in questo campo.
(Fabrizio Caramagna)

“Mi sono messa un buon reggiseno e una maglietta di due taglie inferiori alla mia”.
(Lana Turner In risposta alla domanda, rivoltale durante un’intervista: “Come è diventata famosa?”)

Ti puoi considerare famoso quando i tuoi quadri sono stati rubati dal museo.
(Toon Verhoven)

Sei famoso quando, anche se taci, qualcuno viene ad ascoltare i tuoi silenzi.
(Fabrizio Caramagna)

L’unica prova della fama, diversamente dalla notorietà, è avere il tuo nome stampato sui giornali senza qualifiche descrittive.
(Elihu Root)

Gli artisti si dividono in due categorie: quelli che hanno fama e quelli che hanno fame.
(Mauroemme)

Non c’è niente di peggio dell’essere famosi e senza un soldo.
(Kim Basinger)

Alcune stelle del cinema portano gli occhiali da sole anche in chiesa. Hanno paura che Dio possa riconoscerli e chiedere un autografo.
(Fred Allen)

Avere fama significa che milioni di persone hanno un’idea sbagliata di chi tu sia.
(Erica Jong)

Nuoce alla fama della più gran parte dogli uomini l’essere troppo intimamente conosciuti.
(Arturo Graf)

La fama non merita tutta la fama che ha.
(Jean Paul)

Vana è la gloria di chi cerca la fama solo nel luccicare delle parole.
(Francesco Petrarca)

L’unica cosa peggiore della cattiva salute è la cattiva fama.
(Gabriel García Márquez)

Una volta che hai i soldi e la fama, la prossima cosa che ti devi aspettare è lo scandalo e la vergogna.
(Michael Johnson)

È assai facile farsi cattiva fama, perché il male è sempre credibile e si fatica molto a cancellarlo.
(Baltasar Gracián)

Per gli uomini buoni la morte è preferibile a una cattiva fama: l’una, infatti, è la fine della vita, mentre l’altra è una malattia per la vita.
(Gorgia)

Datemi la verità, invece che amore, danaro o fama.
(Henry David Thoreau)

Ma in famiglia lo sanno che siete famosi?
(Stopigro, Twitter)

Non è nessuno, ma credendosi tutto, riesce a sembrare qualcuno.
(Roberto Gervaso)

La ricchezza è come l’acqua di mare; più ne beviamo, più abbiamo sete; e lo stesso vale per la fama.
(Arthur Schopenhauer)

I camaleonti vivono di luce e di aria.
Il cibo dei poeti è l’amore e la fama.
(Percy Bysshe Shelley)

La fama vola e si leva al cielo, perché le cose vertudiose sono amiche a Dio.
(Leonardo da Vinci)

Mi ci sono voluti quindici anni per scoprire che non avevo il talento dello scrittore, ma non ho potuto smettere, perché a quel punto ero già troppo famoso.
(Robert Benchley)

Sai che significa essere famosi, ragazzo? Significa poter sparare cazzate a pagamento vita natural durante.
(Jack Dempsey)

Più divento famosa e potente, e più potere ho per far del male agli uomini.
(Sharon Stone)

Niente è così comune come il desiderio di essere eccezionale.
(Oliver Wendell Holmes)

Una radice è un fiore che disprezza la fama.
(Khalil Gibran)

Il mio problema è stato diventare famoso prima di conoscere me stesso.
(Elliott Gould)

La fama è volubile, lo so. Regala gratificazioni e inconvenienti, io li ho sperimentati entrambi.
(Marilyn Monroe)

La fama suscita invidia. La gente inizia a dire: “Chi crede di essere questa Marilyn Monroe?”. La notorietà dà il privilegio agli altri di venire da te a dirti qualsiasi cosa, come se non urtasse i tuoi sentimenti, ma solo i tuoi vestiti.
(Marilyn Monroe)

La fama è qualcosa di seducente, ma volubile. Dona allegria, eccitazione, ricchezza e tanto altro, ma porta con sé cose meno piacevoli e ne sottrae di preziose, inclusa la privacy.
(Niall)

La fama è una perla per cui molti si tuffano, ma che pochi riescono a pescare. Anche quando ce la fanno, non è perfetta, e rimpiangono di averne di più e si perdono molte altre cose migliori alla ricerca di essa.
(Louisa May Alcott)

A volte ci vuole solo un’ora per ottenere una fama che dura mille anni.
(Proverbio giapponese)

La gloria è solo del bene, e del vero; ma la fama può esser del bene, e del male, e del vero, e del falso.
(Torquato Tasso)

La fama precede e la gloria segue l’uomo.
(Proverbio)

C’è un elemento in comune fra gloria e celebrità: la fama. Ma la fama delle persone “gloriose” è il risultato dei loro successi e del loro contributo all’esistenza di noi tutti, quasi un modo per gettare i fondamenti dell’immortalità, mentre la fama delle celebrità è invece legata al consumo immediato, quasi come il caffè istantaneo.
(Zygmunt Bauman)

I mass media, col loro culto della celebrità e il relativo contorno di fascino e richiami sensazionali, hanno fatto dell’America un paese di fan, di spettatori. Dando corpo e sostanza ai sogni narcisistici di fama e gloria, incoraggiano l’uomo comune a identificarsi con gli idoli dello spettacolo e a odiare la “massa”, moltiplicando le sue difficoltà ad accettare la banalità dell’esistenza quotidiana
(Christopher Lasch)

Un tempo la reputazione era soltanto o buona o cattiva, e quando si rischiava una cattiva reputazione (perché si faceva fallimento o perché ci dicevano cornuto) si arrivava a riscattarla col suicidio o col delitto d’onore. Naturalmente tutti aspiravano ad avere una buona reputazione. Ma da tempo il concetto di reputazione ha ceduto il posto a quello di notorietà. Conta essere “riconosciuto” dai propri simili, ma non nel senso del riconoscimento come stima o premio, bensì in quello più banale per cui, vedendoti per strada, gli altri possano dire “guarda, è proprio lui”. Il valore predominante è diventato l’apparire, e il modo più sicuro è apparire in televisione. E non è necessario essere Rita Levi Montalcini o Mario Monti, basta confessare in una trasmissione strappalacrime che il coniuge ti ha tradito.
(Umberto Eco)

Il social è quel posto dove uno scienziato nucleare di fama mondiale con 670 followers è umile mentre Polpettina99 con 4000 fa la scienziata.
(Swanito75, Twitter)

Quel che viene chiamato fama, reputazione o notorietà – a seconda della fantasia di chi parla – non è altro che il momentaneo interesse di qualche migliaio di persone che, tra un boccone e l’altro, un grugnito e l’altro, trovano il tempo di gettare uno sguardo su qualcosa che non lo interessa.
(Rudyard Kipling)

Oggi è possibile raggiungere la fama senza perdere il beneficio dell’anonimato: si diventa famosi così in fretta che di solito non se ne accorge nessuno.
(Mauro Parrini)

Dovremmo combattere la fama nel mondo.
(Serafinobandini, Twitter)

Si registrarono nel Libro della Natura
Come Pettirossi – Padre e Figlio –
Solo gli Angeli hanno quel modo schivo
Di proteggersi dalla Fama –
(Emily Dickinson)

La fama è ciò che resta della popolarità, spenti gli applausi.
(Roberto Gervaso)

La fama è la popolarità tramandata ai posteri.
(Roberto Gervaso)

Credo di sapere che cosa è la fama militare; essere ucciso sul campo di battaglia e vedere il proprio nome scritto male sui giornali.
(William T. Sherman)

Io non ho mai cercato il successo per avere fama e denaro; nel successo sono il talento e la passione che contano.
(Ingrid Bergman)

Si comincia a scrivere per essere notati, si seguita perché si è noti.
(Camillo Sbarbaro)

Attenti a quelli che cercano continuamente la folla, da soli non sono nessuno.
(Charles Bukowski)

Uno scrittore che si chiama Smith, non diventerà mai famoso.
(Un editore parlando di Wilbur Smith)

I vantaggi della fama: tutti sapranno che sei morto.
(Roberto Gervaso)

La Fama è come una calamita, da un lato respinge gli amici, dall’altra attira nemici.
(Andrzej Majewski)

I morti di fama. Benvenuti nella Nuova Rete, il tendone da circo sotto il quale folle oceaniche si creano un’identità e fanno di loro stesse un prodotto da promuovere, un marchio. Benvenuti dove miliardi di utenti documentano, condividono, amplificano e pubblicizzano ogni istante della loro vita e delle loro attività. Dove si alleano con altri marchi simili e alimentano la loro micronotorietà attraverso blog, Facebook, Twitter e decine di piattaforme e applicazioni, sfruttando l’approvazione d’impulso tipica dei social network. E dove rischiano di trasformarsi in ridicoli fenomeni da baraccone, condannati a venire presto dimenticati.
(Loredana Lipperini)

I famosi 15 minuti di celebrità si sono magicamente trasformati in ore e ore di volgarità.
(pellescura, Twitter)

Non cerco la fama qui perché son già rappresentante di classe a scuola (materna) da mia figlia.
(BarbaMaura, Twitter)

Non mi piace l’uomo che sperpera la sua vita per la fama; datemi l’uomo la cui vita crea la sua fama.
(Marziale)

Famoso ma anche fumoso.
(Carlo Gragnani)

Io reputo che la fama degli scrittori ottimi soglia essere effetto del caso più che dei meriti loro.
(Giacomo Leopardi)

Requisito essenziale per la grandezza di un artista è la sua morte.
(Arthur Bloch, Legge di Thiessen sull’arte, La legge di Murphy)

La fama non è pianta che cresca su suolo mortale.
(John Milton)

Fama e onore vanno talvolta più facilmente a chi non li ricerca.
[Gratia atque honos opportuniora interdum non cupientibus essent.]
(Tito Livio)

Fama e onore sono fratelli gemelli, allo stesso modo, però, dei Dioscuri, di cui Polluce era immortale e Castore mortale: la fama è la sorella immortale del mortale onore.
(Arthur Schopenhauer)

Non preoccuparti del fatto che la gente non ti conosce. Preoccupati piuttosto del fatto che forse non meriti di essere conosciuto.
(Confucio)

Il ministro deve morire più ricco di buona fama e di benevolenza, che di tesoro.
(Niccolò Machiavelli)

Se la fama arriva dopo la morte, non ho fretta di conseguirla.
(Marziale)

Essere ricordato in qualche occasione è l’unica fama in cui spero.
(Alexander Smith)

A ciascuno è destinato il suo giorno. Breve e inesorabile è per tutti il tempo della vita, ma la virtù per mezzo delle azioni può prolungarla con la fama.
(Virgilio)

La fama è seconda vita all’uomo.
(Francesco Petrarca)

La fama non ti darà mai la vita eterna. Solo Gesù Cristo ti darà la vita eterna.
(Matthew Hagee)

Alcuni nomi famosi sono sopravvissuti all’oblio. Con il tempo, l’oblio li avrà tutti.
(Marty Rubin)

Ciò che la maggior parte della gente chiama potere i buddisti chiamano desideri mondani. I cinque desideri sono ricchezza, fama, sesso, buon cibo e molto sonno. Nel buddismo, parliamo dei cinque veri poteri, cinque tipi di energia. I cinque poteri sono fede, diligenza, consapevolezza, concentrazione e visione profonda.
(Thich Nhat Hanh)

Non tutti i viventi meritano la loro fama, né tutti i morti il loro oblio.
(Lucien Arréat)

Annunci