Frasi, citazioni e aforismi sulla Svizzera

Svizzera - Aforisticamente
Svizzera - Aforisticamente

Presento una raccolta di frasi, citazioni e aforismi sulla Svizzera. Tra i temi correlati Frasi, citazioni e aforismi sull’Italia e gli italiani, Frasi, citazioni e aforismi sulla Francia e Frasi e aforismi sulle banche e i banchieri.

**

Frasi, citazioni e aforismi sulla Svizzera

La Svizzera è sulla carta geografica un piccolo paese. Nel suo complesso è un piccolo mondo. Per il suo genio, per la forma di civiltà che ha prodotto, è una grande nazione.
(Gonzague de Reynold)

In tempo di pace è solo la Svizzera, ma in tempo di guerra è l’unico paese in cui tutti hanno fiducia.
(Gertrude Stein)

La Svizzera è un’oasi di pace. Tutto è più calmo, più pudico, anche i semafori rossi diventano più lentamente verdi e viceversa.
(Charles Aznavour)

Una città che si chiama Chiasso non dovrebbe trovarsi in Svizzera.
(Anonimo)

La Svizzera è una passo da tutto. Un sistema perfetto a un passo dalla felicità.
(Maurizio Crippa)

A volte la Svizzera è il rifugio delle libertà dalle altrui barbarie; a volte è il luogo arcigno e separato, fuori dal pazzo mondo.
(Maurizio Crippa)

In Svizzera sopravvive il mito di una metodica indolenza, condensata nella celebre battuta dello scrittore zurighese Hugo Loetscher: “Se Dio fosse svizzero, starebbe sempre aspettando il momento giusto per creare il mondo”.
(Maurizio Crippa)

Il paradiso è un poliziotto inglese, un cuoco francese, un tecnico tedesco, un amante italiano: il tutto organizzato dagli svizzeri.
L’inferno è un cuoco inglese, un tecnico francese, un poliziotto tedesco, un amante svizzero e l’organizzazione affidata agli italiani.
(Anonimo)

Se solo Dio mi desse un segno chiaro! Come fare un grosso deposito a mio nome in una banca svizzera.
(Woody Allen)

Sono un ateo teologico esistenziale. Credo nell’intelligenza dell’Universo con l’eccezione di qualche cantone svizzero.
(Woody Allen)

Se qualche volta vedi saltare dalla finestra un banchiere svizzero, salta dopo di lui. Di sicuro c’è qualcosa da guadagnare.
(Voltaire)

La lezione della Svizzera.
Se vuoi la pace, non costruire chiese ma banche.
(Pietro Gorini)

Svizzera: quando tacciono le campane delle chiese, suonano quelle delle mucche. Tutte e due sono di piacevole ascolto. Le prime ricordano la beatitudine celeste, le seconde il formaggio terreno.
(Georg Kaiser)

In Italia, sotto i Borgia, per trent’anni hanno avuto guerre, terrore, assassinii, massacri: e hanno prodotto Michelangelo, Leonardo da Vinci e il Rinascimento. In Svizzera, hanno avuto amore fraterno, cinquecento anni di pace e democrazia, e cos’hanno prodotto? Gli orologi a cucù.
(Dal film Il terzo uomo)

Gli svizzeri, dopo aver inventato l’orologio a cucù, si sono presi tre secoli di riposo.
(Gérard De Villiers)

Un dittatore che muore è una banca svizzera che chiude.
(Anonimo)

La Svizzera è il luogo da cui passano tutte le trame segrete del mondo, i fiumi carsici della finanza, le reti onusiane, lo spionaggio, i traffici di armamenti. Non c’è nulla come “i nani di Zurigo”, o i misteriosi membri del club di Bilderberg e persino i plutocrati e i capi di stato di Davos capace di aizzare il complottismo antiglobalista mondiale.
(Maurizio Crippa)

La svizzera non è questa grande cosa. Togliete le montagne, e che cosa resta?
(Anonimo)

Se vuoi fare un film di successo ambientato in Svizzera, devi metterci le montagne e il cioccolato.
(Alfred Hitchcock)

La Svizzera è un piccolo paese accidentato dove si procede quasi sempre in salita o in discesa, sparso di grossi alberghi color marrone, in quello stile comunemente detto “orologio a cucù”. Ogni spazio ragionevolmente vasto, intorno a un albergo, è sapientemente aménagé, e tutti gli alberghi sembrano ritagliati dalla stessa persona con la stessa sega da traforo.
(Ernest Hemingway)

In Svizzera ci sono alberghi di lusso un po’ dappertutto, come i cartelloni pubblicitari lungo il margine destro di una ferrovia.
(Ernest Hemingway)

Gli svizzeri hanno saputo costruire un paesaggio bellissimo intorno ai loro hotel.
(George Mikes)

Uno studio delle Nazioni Unite afferma che il paese più felice del mondo è la Svizzera. Alla domanda sul perché sono così felici, gli svizzeri non hanno potuto rispondere, perché le loro mani contavano i soldi e le loro bocche erano piene di cioccolato.
(Conan O’Brien)

La ricetta svizzera della felicità è il frutto di un sistema paese che funziona, con le sue “tre E”. Nell’ordine: è “efficiente” – dall’organizzazione del lavoro ai processi di bilanciamento tra sistema pubblico e privato. E’ “efficace” per il basso livello di pastoie burocratiche e per il buon funzionamento dal basso all’alto federale. E’ “equo” perché le diseguaglianze economiche e sociali vengono combattute dall’ente pubblico a ogni livello, con una delle migliori redistribuzioni del reddito a livello europeo.
(Mauro Baranzini)

La libertà degli svizzeri si mescolò nella mia mente con quella dei greci… La libertà degli svizzeri la vivevo nella realtà e la sperimentavo io stesso: per essersi mantenuti padroni del proprio destino, per non aver accettato alcuna autorità imperiale, gli svizzeri erano riusciti a non farsi coinvolgere nella guerra mondiale.
(Elias Canetti)

In Svizzera ho il più alto grado sociale: sono un cittadino libero
(George Bernard Shaw)

Ciò che noi latini, e in generale noi figli di burocrazie ottusamente napoleoniche o borboniche invidiamo alla Svizzera è la qualità adamantina della sua difesa dei diritti.
(Maurizio Crippa)

Il segreto della Svizzera risiede nell’intimo legame tra una natura separata, difesa e sempre sulla difensiva, e il valore dell’autonomia e dell’indipendenza. Frutti stessi della configurazione del suo paesaggio. La Svizzera è un inespugnabile castello di montagne in mezzo alle grandi pianure europee.
(Maurizio Crippa)

Ho anche pensato a voi dinanzi alle meraviglie della natura, accanto a quelle montagne della Svizzera che abbiamo attraversato: vi si prega così bene, si sente che Dio è là!
(Santa Teresa di Lisieux)

Che giornata meravigliosa! Già si avvicinano le sfavillanti montagne della Svizzera con i loro abissi e con le loro vette… ma alle mie spalle intanto salgono veloci nel cielo nubi temporalesche e tacciono rabbiose: i venti spirano sempre più lenti e mi muovono appena… Adesso un colpo di vento mi porta vicinissimo a quel mondo di divini splendori. Ma già le nubi rumoreggiano.
(Jean Paul descrivendo il suo viaggio in mongolfiera)

Mi piace la Svizzera. Rispettano la vita privata di un uomo, qui. Specialmente se ha un patrimonio.
(Sherlock Holmes – Gioco di ombre)

Berna è la città più ordinata della Svizzera. E’ grande il doppio del cimitero di Napoli, ma ci si diverte solo la metà.
(Luciano De Crescenzo)

A Ginevra, quando uno si stanca di passeggiare davanti alle banche e agli orologi, non gli resta che gettarsi nel lago.
(Gerard De Villiers)

Ginevra è terra di cultura e di tormento spirituale; oggi sembra ormai un po’ soverchiata dalla mania turistica e godereccia degli uomini contemporanei, ma qui è sempre vivo lo spirito di tanti pensatori che si sono tormentati alla ricerca della verità, della bellezza e dell’amore.
(Nicolino Sarale)

Caro frontaliere, ti sono Ticino.
(Anonimo)

Io ce li porterei anche i miei soldi in Svizzera, ma non mi bastano per la benzina.
(MixMic76, Twitter)

Da piccolo sulla tv svizzera guardavo i cantoni animati
(Arcobalengo, Twitter)

«Sei originario della Svizzera francese?». «Oui, je suisse».
(arcobalengo, Twitter)

Al rientro dalla Svizzera:
– C’è il controllo alla dogana.
– Mo’ so’ dazi.
(tragi_com78, Twitter)

Primo cinese: Lo sai che gli svizzeri ci hanno dichiarato guerra?
Secondo cinese: Ah sì? E in che albergo stanno?
(Henry Youngman)

Lo strato d’ozono sopra la Svizzera ha tanti piccoli buchi?
(Boris Makaresko)

Neutralità. Di neutrale non c’è che la Svizzera.
(Lucio Salis)