Le frasi più belle della serie tv La regina degli scacchi

Regina-Scacchi - Aforisticamente
Regina-Scacchi - Aforisticamente

Basata sull’ omonimo romanzo di Walter Tevis, L a regina degli scacchi è una delle più belle serie tv del 2020 ed è prodotta da Netflix.
La regina degli scacchi racconta la vita di una bambina prodigio, Beth Harmon, abbandonata e accolta da un orfanotrofio nel Kentucky alla fine degli anni 50.

Il titolo originale della serie tv è “The Queen’s Gambit”, (in italiano “gambetto di donna”), una mossa di apertura degli scacchi, che allude alle strategie di attacco messe in campo da Beth Harmon per affermarsi in una società rigidamente maschilista.

Presento una raccolta delle frasi più belle della serie tv La regina degli scacchi. Tra i temi correlati Le frasi dei film: le 100 più belle di sempre e Frasi, citazioni e aforismi sugli scacchi.

**

Le frasi più belle della serie tv La regina degli scacchi

Quelle come te non hanno vita facile. Sei due facce della stessa medaglia; da una parte il talento, dall’altra il prezzo da pagare. Non si può dire quale sarà il tuo di prezzo, avrai il tuo momento di gloria, ma questo non durerà, tu hai così tanta rabbia dentro, devi fare attenzione.
(Mr Scheibel, il vecchio custode dell’orfanotrofio)

Creatività e psicosi spesso sono compagne.
(Beth Harmon)

Fu la scacchiera a colpirmi. Esiste tutto un mondo in quelle 64 case. Mi sento sicura lì, posso controllarlo, posso dominarlo ed è prevedibile. So che se mi faccio male è solo colpa mia.
(Beth Harmon)

La rabbia è una potente spezia, un pizzico ti risveglia, troppa ti ottunde i sensi.
(Harry Beltik)

Sei la più brava da così tanto tempo che neanche lo sai com’è per noi.
(Jolene)

Sono qui perché tu hai bisogno che io sia qui, le famiglie lo fanno.
(Jolene)

– Devi essere molto sola.
– Io sto bene da sola.
(Beth Harmon)

Tu sei la ragazzina del Kentucky che ha stracciato Harry Beltik!
(Benny Watts)

Non so perché il mio corpo è così intento a sabotare il mio cervello, quando il mio cervello è perfettamente in grado di sabotare se stesso.
(Alma Wheatley)

Mi serviva una mossa che lo costringesse a fermarsi ma non c’era. Sono stata mezz’ora a studiare la scacchiera e ho solo capito che la mossa di Benny era inappuntabile.
Ho pensato di potermela cavare con dei cambi ma lui è stato troppo attento.
Io ritiravo e lui attaccava. Volevo chiudere.
(Beth Harmon)

– Beth Harmon: Borgov mi ha demolito
– Benny Watts: Perché non eri pronta.
– Beth Harmon: Non so nemmeno se sono brava.
– Benny Watts: Sei la migliore di tutti. Hai battuto me.

Le persone si accontentano di tutto per poter dire di aver qualcosa.
(Alice Harmon, madre di Beth Harmon)

Spesso le persone sembrano dirci qualcosa per il nostro bene ma è per il nostro male.
(Alice Harmon, madre di Beth Harmon)

Chiudi gli occhi.
(Alice Harmon, madre di Beth Harmon, prima dell’incidente)

Non devi avere paura del buio, anzi, oserei dire che non devi avere paura di nulla, una persona forte è una persona che non teme di stare da sola. Sono altre le persone di cui preoccuparti, quelle persone che ti dicono cosa fare e cosa provare, in un batter d’occhio hai sprecato la tua vita cercando qualcosa che altre persone ti hanno detto di cercare. Un giorno rimarrai tutta sola, quindi devi imparare a prenderti cura di te stessa.
(Alice Harmon, madre di Beth Harmon)

Noi americani siamo individualisti. Loro, i russi, fanno squadra.
(Benny Watts)

L’unica cosa che sappiamo di Elizabeth Harmon è che lei ama vincere.
(Speaker)

È il tuo destino, afferralo.
(Borgov a Beth Harmon)

E’ una gran cosa battere i sovietici nel loro gioco.

[Beth Harmon davanti a una scacchiera e un gruppo di anziani in un parco di Mosca]
Giochiamo.