Le frasi più celebri della Regina Elisabetta II

Regina Elisabetta II - Aforisticamente
Regina Elisabetta II - Aforisticamente

La regina Elisabetta II (Elizabeth Alexandra Mary, Londra 21 aprile 1926) è il quarantesimo monarca da quando Guglielmo il Conquistatore ottenne la corona d’Inghilterra.

Durante il suo regno, la regina (in inglese “Queen Elizabeth II”) ha intrapreso oltre 250 visite ufficiali all’estero in 129 paesi diversi. Dal 1952, la Regina Elisabetta II ha conferito oltre 387.700 onorificenze e riconoscimenti.

La regina e il duca di Edimburgo hanno inaugurato la tradizione di tenere piccoli pranzi informali a Buckingham Palace per incontrare persone illustri di ogni professione. Il primo pranzo si è tenuto l’11 maggio 1956 e la tradizione continua ancora oggi. Di solito ci sono 6-8 ospiti e due membri della famiglia presenti.

Presento una raccolta delle frasi più celebri della Regina Elisabetta II. Tra i temi correlati Frasi, citazioni e aforismi sulla regina, Frasi, citazioni e aforismi sul re e il sovrano e Frasi, citazioni e aforismi sulla monarchia.

**

Le frasi più celebri della Regina Elisabetta II

Io dichiaro davanti a voi tutti che tutta la mia vita, sia essa lunga o breve, sarà dedicata al vostro servizio e al servizio della nostra grande famiglia imperiale a cui tutti apparteniamo.
[I declare before you all that my whole life whether it be long or short shall be devoted to your service and the service of our great imperial family to which we all belong].
(Regina Elisabetta II, dal discorso del 21 aprile 1947, giorno del ventunesimo compleanno)

Sono la prima regina capace di guidare.

Regina Elisabetta: Lei che lavoro fa?
Brian May, ex chitarrista dei Queen: Suono la chitarra.
Regina Elisabetta: Anche lei? [rivolgendosi al secondo della fila, Jimmy Page dei Led Zeppelin.
Jimmy Page: Anch’io, sì.
E lei è tanto che suona la chitarra? – rivolgendosi a Eric Clapton.
Eric Clapton: Da quarantacinque anni, Maestà.

È sempre stato facile odiare e distruggere. Costruire e amare è molto più difficile.
(Discorso di natale, 25 dicembre 1957)

Come tutte le migliori famiglie, abbiamo la nostra quota di eccentricità, di giovani impetuosi e capricciosi e di disaccordi familiari.

Il dolore è il prezzo che paghiamo per l’amore.

I bei ricordi sono la nostra seconda possibilità di felicità.

Perché alle donne viene sempre chiesto di sorridere?
Se un uomo non lo fa lo si percepisce come solenne, una persona seria, nessuno pensa che sia triste.

Faresti meglio a rispondere. Potrebbe essere qualcuno di importante.
[A una donna il cui cellulare ha suonato durante una riunione formale]

Il 1992 non sarà un anno di quelli che ricorderò con piacere. Per usare le parole di un mio collaboratore, è stato davvero un annus horribilis
(Riferendosi all’incendio del castello di Windsor e allo scandolo dei tradimenti del Principe Carlo e di Lady Diana)

Prima di tutto voglio rendere io stessa omaggio a Diana. Era un essere umano eccezionale e piena di doti. Nei momenti belli e in quelli brutti non ha mai perso la capacità di sorridere o di ispirare gli altri con il suo calore e la sua gentilezza. Io l’ammiravo e la rispettavo per la sua energia e il suo impegno verso gli altri e – specialmente – per la devozione verso i suoi due ragazzi. Questa settimana a Balmoral abbiamo cercato di aiutare William e Harry ad affrontare la devastante perdita che essi, come tutti noi, hanno subito. Chiunque abbia conosciuto Diana non potrà dimenticarla. I milioni che non l’hanno conosciuta ma che pensavano di conoscerla la ricorderanno.
(Discorso rivolto alla nazione in occasione della morte di Lady Diana)

Oggi abbiamo bisogno di un tipo speciale di coraggio. Non quello necessario in battaglia, ma quello che ci fa difendere tutto ciò che sappiamo essere giusto, vero e onesto. Abbiamo bisogno di quel coraggio che può resistere alla sottile corruzione dei cinici, in modo da poter mostrare al mondo che non abbiamo paura del futuro.
(Discorso di natale, 25 dicembre 1957)

Quando la vita sembra difficile, i coraggiosi non mollano e non accettano la sconfitta; invece, sono tanto più determinati a lottare per un futuro migliore.

Il diritto di cambiare il governo dall’urna e non dalla canna di una pistola; forse la migliore definizione di democrazia.

Non prendiamoci troppo sul serio. Nessuno di noi ha il monopolio della saggezza.

Ero terrorizzata di essere riconosciuta. Mi ricordo file di sconosciuti prendersi a braccetto e camminare lungo Whitehall. Noi seguivamo quell’ondata di felicità e sollievo.
(Ricordando la prima e quasi unica volta in cui è uscita in incognito durante la notte della vittoria per la fine della seconda guerra mondiale)

Nel ricordare la terribile sofferenza della guerra da entrambe le parti, riconosciamo quanto sia preziosa la pace che abbiamo costruito in Europa dal 1945.

Insieme stiamo affrontando l’emergenza, se restiamo uniti e risoluti vinceremo noi.
Spero che nei prossimi anni tutti potranno essere orgogliosi di come hanno risposto a questa sfida. E coloro che verranno dopo di noi diranno che i britannici di questa generazione sono stati più forti di qualsiasi altro, che le qualità dell’autodisciplina, della cortese determinazione e della comprensione reciproca ancora caratterizzano questo Paese.
(Sulla pandemia di COVID-19 del 2019-2020)

In Europa la tradizione anglosassone sta alla tradizione latina come l’olio sta all’aceto. Ci vogliono entrambi per fare la salsa, altrimenti l’insalata è poco condita.

Il vero patriottismo non esclude una comprensione del patriottismo altrui.

Siamo un popolo moderato e pragmatico, più a suo agio con la pratica che con la teoria.
We are a moderate, pragmatic people, more comfortable with practice than theory.
(Discorso del 30 aprile 2002)

Ci sono momenti in cui la vita sembra piccola, noiosa, meschina e senza un obiettivo.
E poi a un certo punto veniamo trascinati in un grande evento che ci fa capire quanto sia solida e profondamente durevole la nostra esistenza

Non conosco una formula per il successo.
Ma col passare degli anni ho potuto notare che alcune capacità di leadership sono universali e spesso hanno a che fare con l’incoraggiare le persone a mettere a frutto il loro talento, il loro entusiasmo e la loro ispirazione per lavorare insieme

Meglio che prima chieda a mamma.
(la regina Elisabetta lo diceva spesso quando sua madre era in vita)

**

Frasi e battute divertenti sulla Regina Elisabetta II

La regina mi fece una grande impressione. Aveva una voce gentile, calma. Era assolutamente priva di pretese e di quell’alterigia che uno si aspetta di trovare in un monarca. Poteva essere la regina d’Inghilterra, ma ai nostri occhi era prima di tutto e soprattutto la moglie di suo marito e la madre dei suoi figli.
(Nikita Chruščёv)

Mia moglie ha un buon posto, abbastanza sicuro, ma così noioso.
(Filippo di Edimburgo)

A Windsor passava ore nella camera di Elisabetta I e aveva imparato a memoria il discorso che quella grande regina fece al suo esercito nel 1588, mentre l’Invincibile Armada spagnola si avvicinava alla costa: “So di avere il corpo di una debole e fragile donna, ma ho il cuore di un re, e d’Inghilterra per giunta”.
Nessuno, per quanti secoli possa ancora durare la monarchia britannica, sarà mai più come Elisabetta II.
(Vittorio Sabadin)

Negli ultimi 50 anni, abbiamo cambiato 44 governi, 5 papi e la regina Elisabetta II d’Inghilterra sta ancora lì.
(Otello_vi, Twitter)

21 aprile.
Oggi è il compleanno sia della Regina Elisabetta che di Roma.
Gli storici discutono da anni su chi delle due è nata prima.
(sempreciro, Twitter)

La regina Elisabetta a 94 anni si fa una scampagnata a cavallo e tu non hai voglia di portare fuori l’immondizia.
(iddio, Twitter)

21.04.1926 nasce oggi la Regina Elisabetta. Dopo di lei solo l’Uranio ha un tempo di decadimento maggiore.
(dlavolo, Twitter)

Se la Regina Elisabetta prende il coronavirus muore Carlo.
(MaxMangione, Twitter)

Oggi la Regina Elisabetta compie 94 anni, ha visto e vissuto la seconda guerra mondiale, la guerra nel Golfo, la morte di Diana, la separazione di Harry e Meghan, la pandemia del Covid-19
Io direi di studiare bene il suo DNA, potrebbe esserci anche il vaccino per il Coronavirus.
(Masse78, Twitter)

Ogni tanto penso alla Regina Elisabetta, che ha vissuto in prima persona Hitler, Mussolini, Hiroshima e Nagasaki e adesso nella sua tenuta estiva sorseggiando un the magari si trova ad ascoltare in radio Baby Shark.
(_Martola_, Twitter)

Greta Thunberg dovrebbe cambiare soggetto alla sua campagna ecologista, e chiedersi “che mondo lasceremo alla regina Elisabetta?”.
(iddio, Twitter)