I proverbi milanesi più belli e famosi

Presento una raccolta di proverbi milanesi. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi su Milano, I proverbi lombardi più belli e famosi, I proverbi napoletani più belli e famosi e Proverbi romani e detti romaneschi.

**

I proverbi milanesi più belli e famosi

A Milan, anca i moron fann l’uga.
A Milano, anche i gelsi fanno l’uva (vale a dire, Milano è città capace di ricavare frutto da qualsiasi cosa)

A Milan quell che no se pò fa incoeu sel se fa doman.
A Milano quello che non si può fare oggi si fa domani.

De Milan ghe n’è domà vun.
Di Milano ce n’è uno solo.

El sospett l’è il velen de l’amicizia.
Il sospetto è il veleno dell’amicizia.

A sto mond che voeur di bon amis.
A questo mondo servono buoni amici.

A perdonà ai cattiv se fa tort ai bon.
A perdonare ai cattivi si fa torto ai buoni.

Amor e gelosia se fan semper compagnia.
Amore e gelosia si fan sempre compagnia.

Matt de cadenna quell vecc che s’innamora.
Matto da legare quel vecchio che s’innamora.

I giurament d’amor duren on d’i.
I giuramenti d’amore durano un giorno.

Se te resta el coeur me quell d’on fioeu, te saree on grand òmm.
È un grande uomo colui che non perde il suo cuore di bambino.

Se te se moeuvet mai spetta minga che te rusen.
Se non ti muovi mai non aspettarti una spinta.

Semper toghen e mai mettsa svoja al casett.
Sempre togliere e mai mettere, si svuota il cassetto.

L’è mei vegnè ros prema che smort dopu.
Meglio arrossire prima che impallidire dopo.

Milan el po’ fa e’l po’ dì, ma el po’ minga l’acqua in vin convertì.
Milano può fare e dire, ma non può trasformare l’acqua in vino.

De pù de vècc no se pò scampà
Più che vecchi non si può diventare.

Chi fa a sò moeud scampa des ann de pù.
Chi fa quel che vuole campa dieci anni di più.

El var pussé una giurnada de suu de masc che ‘l Dom de Milan.
Vale di più una giornata di sole di maggio che il Duomo di Milano.

Facia franca, busia prunta gamba lesta.
Viso sfrontato, bugia pronta e gambe veloci, sono le dote del disonesto.

El bè d’un pà per i sò bagaj l’è come i dii d’una man: gnà vun l’è istess.
L’amore di un padre per i propri figli è come le dita di una mano: nessuna è la stessa.

A’ sto mund gh’è tre qualità de becch: becch cuntent, becch rabient, becch innucent.
Al mondo ci sono tre tipi di cornuti: il contento, l’arrabbiato e l’ignaro.

Cent’an de murùs, gnanca un dé de spus.
Meglio cento anni da fidanzati che un un solo giorno da sposati.

Per spusass ghe vôr: lüu, lée e anca la bursa di danée.
Per sposarsi occorrono: lui, lei e anche la borsa dei soldi.

Al primm agn da matrimoni, brasset brasset; al segond agn: patèj e fas; al terz agn: cuu a cuu; al quart agn: quanto mai t’hoo cognossuu !
Al primo anno di matrominio a braccetto; al secondo anno: pannolini e fasce; al terzo anno: schiena a schiena; al quarto anno: quanto mai ti ho conosciuto !

Ul vin al fà sanc, l’acqua l’è buna per lavas i pee.
Il vino fa sangue, l’acqua serve per lavarsi i piedi.

A chi mescia l’acqua al vin, fagh bev l’acqua giò nel tin.
A chi mescola l’acqua al vino, fa bere l’acqua nel tino.

Ul ben dal padrun l’è cumè al vin in dal fiasch: incoeu l’è bun duman l’è guast.
La riconoscenza del padrone è come il vino nel fiasco: oggi è buono, domani è guasto.

Dal cantà se conós l’osèl, dal parlà se misüra ‘l servèl.
Dal canto si riconosce l’uccello, dal parlare si misura il cervello –

Chi volta el cùu a Milan, il volta al pan.
Chi volta il sedere a Milano, lo gira al pane.

I danee vann a mucc, chi gh’ha i sacocc pienn e chi ghi ha succ.
I soldi vanno a mucchio,c’e’ chi ne ha piene le tasche e chi le ha asciutte.

I amis hinn quej che se g’ha in sacocia.
I migliori amici sono quelli che abbiamo in tasca.

Cui danè as fa tüt.
Con i soldi si fa tutto.

A vend per el besogn se ghe perd semper.
A vendere per bisogno,si perde sempre.

Dove ghè daneè n’è gh’en van.
I soldi vanno dove ci sono soldi.

I dané i han fa de carta per fai vulà e i han fa rutund per fai birlà.
I soldi li hanno fatti di carta per farli volare e li hanno fatti rotondi per farli girare.

Guarda ben me l’è brut l’om senza danee.
Guarda bene come è brutto l’uomo senza soldi.

Basta minga avegh i daneè, ma ancà savè spend.
Non basta avere i soldi, bisogna saperli spendere.

Cà casca, cens cessa, teren ten.
La casa crolla, la ricchezza finisce, ma il terreno rimane.

Cativa lavandera, la trua mai la buna prea.
La lavandaia svogliata non trova mai la pietra adatta.

No gh’è pesg che vè ss lì tra el sì e el nò.
Non niente di peggio che essere tra il sì e il no.

Anca al pegiur di ladrun al ga la sua devusiun.
Anche il peggiore dei ladroni ha la sua devozione.

Fin ai vint non se fa nient, dai vint ai trenta se fa el nomm, dai trenta ai quaranta se fa la roba, dai quaranta in sù se fa la goba.
Fino a vent’anni non si fa niente, dai venti ai trenta ci si fa il nome, dai trenta ai quaranta si sgobba, dai quaranta in su ci si fa la gobba.

Var pusee l’umbra de’n vecc che la presenza de’n giùvi.
Vale più l’ombra di un un vecchio che la presenza di un giovane.

La descrezion l’è la mader di virtù.
La discrezione è la madre delle virtù.

Un pà al mantegn dudas bagaj ma dudas bagaj in minga bunn da mantignì un pa’.
Un papà sa mantenere 12 figli, ma 12 figli non sanno mantenere un papà.

Tucc i can menan la cua, Tucc i cujun disen la sua.
Tutti i cani menano la coda, tutti i coglioni dicono la propria.

Quaant se gh’a fam, la puleenta la paar salama.
Quando si ha fame la polenta sembra salame.

La dònna, per piscinina che la sia, la sorpassa el diàvol in furberia.
La donna, pur piccola che sia, sorpassa il diavolo in furbizia.

Chi g’à la dona bela, l’è minga tüta sua; chi g’à la dona brüta, al staga sicür, l’è tüta sua.
Chi ha la donna bella, non è tutta sua; chi ha la donna brutta, stia sicuro: è tutta sua.

El coeur di donn l’e’ faa come on melon: a chi gh’en dan ona fetta a chi on boccon.
Il cuore delle donne è come un melone: ad alcuni danno una fetta, ad altri un boccone.

Tre ròbb impossibil: fà stà quiètt i bagaj, fa corr i vecc, fa tasè i dònn.
Tre cose impossibili: tener quieti i bambini, far correre i vecchi, far tacere le donne.

Sta scritt aposs al Dòmm, che dònna bella toeu brutt òmm.
Sta scritto dietro al Duomo, che donna bella sposa brutto uomo.

La belezza di donn l’è in di oeucc di òmen.
La bellezza delle donne e negli occhi degli uomini.

Per conoss l’inferna, besogna fa el coeugh d’estaa e ‘l carozzee d’inverna.
Per conoscere l’inferno si deve fare il cuoco d’estate ed il conduttore di carrozze d’inverno.

La pressa l’è buna de’nda al cess quand che la scapa.
La fretta è buona per andare al gabinetto quando scappa –

El fioeu tropp carezzaa l’e’ mal levaa.
Il figlio troppo coccolato è mal allevato.

Al var pùuse ciapàn pòcc e spendan minga, che ciapàn tanti e spendan pùuse.
Vale di più guadagnare poco e spendere niente che guadagnare tanto e spenderne di più.

Al povrét agh manca tant, a l’avàr agh manca tüt.
Al povero manca tanto, all’avaro manca tutto.

La morte sta sul tetto e non guarda in faccia nè ai giovani nè ai vecchi.
La mort la sta de cà in sul tè cc, e no la varda nè ai gioven nè ai vè cc.

Ad educare i figli non è farina di tutt.
A regola fioeu l’e’ minga farinna de tucc.

Lodem ti che te lodaroo anca mi.
Lodami che ti loderò anch’io.

Se fa pusseè fadiga a tasè che a parlà
Si fa più fatica a tacere che a parlare.